martedì 12 marzo 2013

Showdown a Cardiff: lo sbirro buono, quello cattivo, i soci e i precedenti


E' solo martedì, ma la macchina è in moto dall'istante in cui George Clancy ha fischiato la fine di Inghilterra - Italia (la fine, non un calcio di punizione per gli Azzurri). Sono dunque cominciati i calcoli per il show down di sabato a Cardiff e stando a quelli buoni in matematica, perché il Galles possa fregare di sotto il naso titolo di 6 Nations con annessi Grand Slam e Triple Crown occorre che gli uomini di Stuart Lancaster non ottengano "il punto di bonus difensivo", ossia rimangano oltre i sette punti di distanza nel punteggio finale. Nel caso il divario finale fosse giusto al break per i gallesi, conterebbero le mete segnate: i padroni di casa inizieranno la partita con un vantaggio di due. 
Allora ecco i precedenti che i media gallesi hanno rispolverato dall'archivio per dimostrare che può accadere: 19-12 l'anno scorso a Twickenham (match da annali, con la meta all'ultimo negata a David Strettle, foto); 19-9 al Millennium Stadium in un warm-up match prima della RWC 2011; 23-15 sempre al Millennium nel 2009; il 26-19 dell'anno precedente, con Warren Gatland da poco sulla panchina gallese e il 16-6 con il quale gli inglesi avevano chiuso in vantaggio il primo tempo a Londra; il 27-18 del 2007; il 19-12 risalente al 1987; il 24-3 del 1979 che valse il titolo dell'allora Five Nations.

Nella memoria è più che mai accesa la partita della scorsa edizione del 6N, non solo per l'ultimo atto dell'incontro, con Jonathan Davies e Leigh Halfpenny che si  lanciano su Strettle e il TMO che non vede gli estremi per assegnare la meta alla bandierina, che nel caso avrebbe obbligato Owen Farrell ad una trasformazione ancora più epica per il pareggio. C'è anche l'ovale malamente perso da Courtney Lawes che innesca la meta degli ospiti (Lawes che invece domenica ha levato le castagne dal fuoco per i suoi, rubando a Pavanello il lancio di Davide Giazzon nei 22 inglesi a pochi minuti dalla fine), oppure il trattamento riservato da George North a Farrell, bersaglio di un placcaggio in mezzo al campo che fa fare una smorfia a papà Andy in tribuna. 
I gallesi arrivano da tre vittorie in fila su Francia, Italia e Scozia, l'Inghilterra ha  quattro vittorie su quattro uscite e la testa un po' bacata dalla domenica pomeriggio in compagnia degli Azzurri. Lancaster non è stato apertamente caustico coi suoi, ci han pensato loro, dal capitano Chris Robshaw al pilone Mako Vunipola: hanno ammesso che così non va bene, che per vincere il Championship occorre rimettersi in carreggiata. Al resto provvedono i cronisti inglesi e sul Telegraph ecco il ritratto sportivo dello staff inglese, firmato da Mick Cleary: Four men facing judgment in Cardiff. Come se non ci fosse già abbastanza tensione, come se a quelle latitudini non si respirassero pressione, paure, aspettative e altro, hanno scelto di rincarare la dose. 

Lancaster fa il poliziotto buono, Farrell quello cattivo. Da qui l'impressione è che il primo deleghi al secondo il ruolo del bad cop, almeno con la stampa, anche se le  sostituzioni-bocciatura fulminee in diretta al primo errore di rilievo, come capitato a Danny Care, sono farina del sacco di Stuart. L'head coach non tradisce mai particolari emozioni di fronte a tifosi e stampa; stavolta sostiene anzi la tesi dello choc positivo: "Con l'Italia, team cui paghiamo il massimo rispetto - gone are the days di quando si batteva facilmente - è stata una doccia fredda che può far bene. Si rischiava di andare al Millennium troppo complacent, troppo sicuri di sè". A ben guardare difatti, la sfida inglese non cambia: loro debbono cancellare l'ultima vittoria al Sei Nazioni "sporcata" dalla sconfitta in Irlanda all'ultima gara. Dopotutto, ai tempi dell' Home Nations e per un bel pezzo del Cinque Nazioni, senza Grand Slam non veniva considerata vera vittoria del torneo. Un po' anche adesso.

"Farrell è una grande presenza, letteralmente, emotivamente, psicologicamente", scrive Cleary. Non è un caso che Lancaster lo volesse con sé una volta confermato nel ruolo di manager dopo l'esperienza ad interim del 6N 2012, provocando qualche frizione con i Saracens, club della famiglia Farrell. 
Poi ci sono le orecchie di Graham Rowntree, The Old Slugger, al quale viene affidata l'esperienza, probabilmente proprio a causa dei segni delle battaglie che si porta dietro. E in Britannia vanno dritti al punto: ha il compito di trovare un modo per neutralizzare l'eroe gallese Adam Jones, "who gave Italy the hurry-up in Rome and also made the Scots creak and wince". Rowntree domenica ha fatto avanti e indietro dal box dello staff alla panchina inglese, inseguito dalle telecamere del registra che ha intuito ben presto, come il resto dello stadio, il clima di paura (nella realtà si muoveva per accertarsi di un problema contingente nel pack: l'infortunio a Parling che privava la squadra di un leader in rimessa). 
Infine il sorriso beffardo di Mike Catt, che già abbiamo rilevato durante la cronaca della partita contro l'Italia: consegna il tee a Toby Flood che deve piazzare, il tentativo va a segno e Catt sbuffa allargando gli occhi, tirando un sospiro di sollievo. E l'addetto agli skills, entrato nella truppa di Lancaster in estate per il tour contro gli Springboks - Catt tra l'altro è sudafricano di origine. 
Le statistiche mostrano una certa difficoltà in attacco degli inglesi nel marcare meta: quattro al debutto con gli scozzesi e poi solo una una negli altri tre incontri, mentre i gallesi non ne concedono da 272 minuti. Albione "s'accontenta" di vincere incassando le punizioni. Ai Dragoni stanarli, ma senza perder composture.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

x questo royal rumble sarà importante x gli inglesi ritrovare farrell figlio ,flood è bravo ma è vetusto nel gioco .i gallesi metteranno sulla graticola ashton..ho già water in the mouth hahahaha ironduke
ps sono indeciso x chi tifare i bianchi mi piacciono ma i gallesi quando giocano beh goduria pura















































Abr ha detto...

.. vedremo se ashton sarà ancora della partita, dopo esser stato surclassato da mclean sulla sua corsia ...
ma tanto a lancaster delle ali nun glie ne po' fregà demeno.

La partita sarà titanica n mezzo, piuttosto: cedremo se farrell sarà in grado di far muovere tuilagi e barritt meglio che flood, e dall'altra parte ci stanno jamie e jonathan ...

Altro settore che si deve nettamente riscattare è la terza linea. Li abbiamo giocati, con quel nostro mettere un uomo solo, massimo due sui punti di contatto.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web