martedì 30 ottobre 2012

Eccellentissimo pubblico


Ripresa l'Eccellenza con la quarta giornata nel weekend dopo la pausa di Coppe, quasi fosse un campionato come gli altri, riprendiamo il nostro costume di rinviarvi a chi è motivato e competente in materia per fare analisi.
Viadana
in testa, cinque per quattro uguale venti punti tondi, neppure il Calvisano che tremare il Mondo fa tiene quel passo; all'estremo opposto l'Emilia - Parma e Reggio - sta invece a zero: "Aggiungendo il prodotto Zebre alle debacle di Crociati e Diavoli si ha la sensazione di un intero territorio del nostro rugby, una area importante e visibile, che ha palesemente mancato i suoi conti o forse il vero motivo è che i conti imposti dall'alto non tornano mai".

Stimolante la considerazione sulle presenze:"Peccato che gli appassionati di rugby non vadano allo stadio a vedere il rugby (...) Sono oltre sessantamila i biglietti fino ad oggi venduti per Italia- All Blacks a Roma fra poche settimane (...). Sui campi di Eccellenza in questa quarta giornata si sono contate complessivamente circa 3.500 persone (...).  A mettersi con il pallottoliere e con la celebre logica del pollo viene fuori una media partita di 1000 spettatori.
Il problema è che, molto semplicemente, una larghissima parte, una soverchiante maggioranza di "quelli dei Test match e Sei Nazioni" non sospettano nemmeno della esistenza di un Campionato di Eccellenza. Credo la Federazione debba mettere in cantiere qualche iniziativa urgente, non si può buttare via anche questa annata a stadi vuoti facendoci bastare gli abbagli dell'Olimpico
".
La nostra modesta opinione è che, fatta la tara alla scarsa propensione all'outdoor dell'italiano medio, il problema non sia l'informazione. Piuttosto crediamo che "la soverchiante maggioranza" di appassionati o anche orecchianti o solo modaioli del rugby (esistono anche questi, piuttosto che niente meglio piuttosto), non si beva più qualunque cosa gli si propini. Vale anche per il calcio.
La ggente va allo stadio non per centellinare calici di rugby sopraffino (quei drogati lì - parla uno - si sorbiscono penosi streaming in very low resolution interrotti ogni tre secondi da Durban o Tolone); è piuttosto attirata come le falene dall'EVENTO, dallo spettacolo, dalla competizione, dai campioni; a parlar "alto", dall'epica sportiva nel senso "Breriano". Ed ecco che "tira" di più un pelo di All Blacks che tutte le locandine e le RaiSport messe assieme.
Nozione del tutto incomprensibile per la Federazione, che tratta il campionato italiano ancor peggio di come consideri il Pro12: una Accademia Over20, uno stretching, un riscaldamento, un sandbox ove crescere i suoi atleti Azzurri presenti e futuri, nel più classico dei rovesciamenti tra causa ed effetto. Tanto che je frega alla Fir,  la sua fonte di denaro e quindi di potere, mica sono i campionati ...
Per aggiungere dolore al dolore o meglio fatti a consapevolezza, serve ricordare che prossimamente per un derby di media classifica Stade-Racing allo Stade de France, stan staccando biglietti quanti a Roma per gli All Blacks? 

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web