lunedì 1 ottobre 2012

Order-order: Santi immacolati per il primo cambio in vetta inglese

Order-order!, è il monito rivolto alla House of Commons nei riguardi dei deputati quando il rumore di sottofondo si fa troppo fastidioso (diffidate da chi vi parla di aplomb inglese in politica, date un'occhiata ad un Question Time del mercoledì pomeriggio e vi renderete conto che sono solo storielle per alimentare la leggenda). Dunque, order-order! in Premiership dopo le prime cinque giornate di stagione perché c'è un cambio al vertice, consumato durante il week end: venerdì sera i Northampton Saints hanno vinto sui London Wasps e soprattutto ieri i London Harlequins hanno perso al The Stoop contro i London Saracens, cedendo quindi il primo posto in classifica ai Saints.

Tra Quins e Sarries stavolta c'è il piede di Owen Farrell (foto), che invece aveva sprecato molto durante l'ultimo big match dei suoi, contro i Tigers. Al contrario, Nick Evans sbaglia tre calci di punizione piazzabili, in particolare per un'apertura che viaggia con una percentuale di realizzazione attorno al 100%. I campioni in carica sono i più pericolosi in fase offensiva, sfiorando una meta nel mezzo della prima frazione, quando però il passaggio da Nick Easter all'estremo Mike Brown viene intercettato da Chris Asthon. In compenso ci pensa Danny Care al 36', con gli Harlequins in 14 per il giallo alla seconda linea Olly Kohn: il mediano sfrutta un pertugio nella difesa avversaria e marca visita. 13-9 alla fine del primo tempo, nella ripresa Farrell mette a segno tre penalty, Evans due perché gli altri non vanno a buon fine. E il punteggio finale è di 18-16 per i saraceni. 

Venerdì sera per l'appunto i Saints hanno vinto per 24-6 sui Wasps (5 vittorie su cinque uscite), senza correre particolari rischi e premendo immediatamente sull'acceleratore quando al quinto l'estremo James Wilson viene servito al largo dall'attacco dei trequarti e va a schiacciare in meta. Intanto Stephen Myler aggiunge punti dalla piazzola, mentre per i Wasps se ne incarica Nick Robinson. Le vespette rimangono anche in inferiorità numerica per il giallo al 40' al pilone Tom Payne. Invece al 55' arriva il colpo che chiude il match ancora con Wilson, bravo a riuscire a trovare il touchdown dopo essere stato placcato prima dell'area di meta, allungando il braccio. Partito titolare Andrea Masi come secondo centro, ingresso nell'ultimo quarto per Fabio Staibano tra gli ospiti. 

Sempre tra i top team, successo dei Leicester Tigers sugli Exeter Chiefs per 30-8. Non una missione scontata, non solo perché i Chiefs sono formazione tosta, ma in particolare perché gli ospiti partono con convinzione e aprono le marcature con Ignacio Mieres, ma alla fine sono i Tigers a manovrare con insistenza e ad andare in meta con l'ala Adam Thompsone che dal 6' alla fine dell'incontro firmerà un hat trick. Il compagno Matt Smith invece si mostra ottimo placcatore quando cancella dalle mani dei Chiefs l'occasione per ribattere immediatamente al colpo subìto. Annullate le intenzione di Exeter, i Tiger chiudono sul 16-3 il primo tempo e continuano a segnare con Toby Flood e con Thompsone nella ripresa (45', 67'). Di Ben White la meta della bandiera ospite allo scadere. 

Tempo di saluti a Bath, dove undici anni dopo il suo debutto con la maglia bianco-blu-azzurra Olly Barkley si prepara a fare i bagagli per Parigi, Racing Metro. E l'addio avviene nel migliore dei modi: 31-10 sui disperati Sale Sharks. Barkley infila quattro calci di punizione nel primo tempo (12-3), quindi nel secondo arrivano le mete del pilone David Wilson, della terza linea Ben Skirving e la penalty try allo scadere, con Sale in 14 per il giallo ad Andy Powell. L'unico momento di reazione degli squali al 56' con il centro Johnny Leota per la meta del 19-10. 

Di nuovo venerdì sera, i Worcester Warriors superano 35-11 i London Irish, anche loro in pieno dramma di inizio campionato. Anche perché gli Exiles iniziano bene, andando in meta con la potente terza linea Ofisa Treviranus e allungando con il piede di Steve Shingler (8-0 al 18'), ma i padroni di casa sono guerrieri ed ecco che al 21' decidono di giocare in rimessa un fallo nei 22 avversari e gli avanti portano a casa il massimo con il tallonatore Aleki Lutui. Nella seconda frazione, Andy Goode e Shingler smuovo il punteggio, ma con l'ultimo quarto Worcester mette la freccia e scappa via, aggiudicandosi il punto di bonus con le tre mete di David Lemi, Semini Taulava (Numero 8) e l'ala Jon Clarke

Per chiudere, il secondo posticipo domenicale con i London Welsh sconfitti al Kassam Stadium dal Gloucester per 31-25. Tra i Cherry & Whites c'è il debutto di Tommaso D'Apice al tallonaggio dal primo minuto. Il primo tempo di Gloucester contiene due mete (Shane Monahan al 15' e la seconda linea Tom Savage al 27') mentre i Welsh si affidano al piede di Gordon Ross. 19-8 dopo quaranta minuti per gli ospiti, nella ripresa Ross accorcia e il pilone di casa Franck Montanella firma addirittura il sorpasso marcando al 60': 22-21 per gli Exiles. Ross dalla piazzola porta i suoi sul +4, ma negli ultimi dieci minuti Freddie Burns al piede e la meta della prima linea Shaun Knight nega il successo.  

Classifica: Saints 22 pts.; Harlequins 20; Saracens, Tigers 16; Gloucester 15; Bath 14; Chiefs 11; Warriors 10; Welsh, Wasps 9; Irish 4; Sharks 1.

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web