mercoledì 7 novembre 2012

Un occhio al Test Tonga

Le Pacifiche e i Test Match: realtà spesso poco componibili, per mancanza di cash in hand. Così si assiste sovente a un netto saldo negativo tra potenzialità individuali disponibili ruolo per ruolo e valore delle Nazionali Isolane.
Senza poi contare il "saccheggio" di risorse operato dai Paesi più ricchi: solo nel caso di Tonga di cui ci occuperemo, bastino i nomi di George Smith, Polota-Nau e i Faing'a bros, Jonah Lomu, Doug Howlett o del gallese Toby Faletau.
Non è (più) questione di inadeguatezza dello staff tecnico e mentalità prettamente individualistica, "alla Sevens" di quegli armadi ambulanti senza paura: è proprio una questione di necessità, evidenziata ad esempio dalla polemica di questi giorni sollevata da Mannix, ex membro del coaching staff del Racing Metro, che ha rivelato come a suo dire al trio figiano in forza ai parigini (VuliVuli, Qovu, Bobo) fosse staccato un assegno affinché rimanessero in Francia e non partecipassero al Mondiale 2011, dove Fiji non brillò affatto.
Ciò detto, paradossalmente per le Isolane il tour boreale di novembre è sempre più facile di quello australe di giugno: quassù han già quasi tutti i giocatori migliori sottomano ... da cui le sorprese, ad esempio nei Test Match europei di Samoa del 2011.

Arriviamo allora ai casi Azzurri: occhio a non sottostimare Tonga, partita d'esordio apparentemente in tono minore. Non si tratta più della cenerentola Pacifica, basterebbe ricordare i recenti Mondiali. Per chi si affidasse troppo alle "tradizioni" - o al folklore: la preghiera (foto) o la Sipi Tau -  qui sotto riportiamo i facts, la recente salita accelerata nel ranking della nazionale pacifica: dal Mondiale non sono più i soliti "molto fisici ma forse un po' disorganizzati",  come parrebbe ancora pensare lo staff azzurro mandato in conferenza stampa.
File:Tonga IRB World Rankings.png

Invece l'informazione locale s'adegua all'undestatement (sugli avversari): è una curiosità l'unica nota reperibile in giro sulla formazione selezionata da Mana Otai (ex giocatore ad Auckland che ha rimpiazzato Isi Maka) per la sfida con gli Azzurri a Brescia sabato prossimo, relativa a tal Fangatapu 'Apikotoa, mediano d'apertura e centro ex Coventry, ora del Novaco Alghero. Vabbè.
Sarebbe il caso invece, per aiutare a formarsi un'idea sul potenziale dei Tongani, di associare anche gli altri i nomi selezionati al club in cui giocano: aiuterebbe a rimuovere la suggestione che si tratti di volonterosi pellegrini, provenienti da pur storiche ma poco intimidenti piazze come quella sardo-catalana. Per fortuna vostra e anche mia come dice quello, ci siamo noi di RR fuori dal coro a farlo per tutti.

15 Lilo Vungakoto (Union Bordeaux Bégles), 14 Fetu'u Vainikolo (Connacht), 13 Sukanaivalu Hufanga (Newcastle Falcons), 12 Sione Piukala (Perpignan), 11 Viliami Helu , 10 Fangatapu' Apikotoa, 9 Taniela Moa - capitano (si divide tra Waikato Chiefs e Pau) , 8 Viliami Ma'afu, 7 Sione Vaiomo'unga , 6 Sitiveni Mafi (Leicester Tigers), 5 Tukulua Lokotui (Wellington), 4 Joe Tu'ineau, 3 Halani 'Aulika (London Irish), 2 Elvis Taione (Western Force), 1 Alisona Taumalolo (Chiefs, ora a Perpignan)
A disposizione: 16 Ilaisa Ma'asi , 17 Tevita Mailau (Mont de Marsan), 18 Hale T-Pole (Northland), 19 Paula Kaho , 20 Samisoni Fisilau (Northland), 21 Alipate Fatafehi, 22 Viliame 'Iongi (ex Scarlets e Brumbies), 23 Soane Tonga'uiha (Northampton Saints)


In particolare, occhio non solo ai soliti backs e back rowers Isolani: con Tonga bisogna porre attenzione alla prima linea (Taumalolo, primo marca-mete dei Chiefs vincitori del SuperRugby 2012, Aulika due mete in cinque partite di Premiership quest'anno, Tonga'uiha in panca) e a Taniela Moa: nome apparentemente dolce, in realtà incisivo e potente mediano sui 100kg, vero regista che supplisce in pieno alla carenza di fly-half in una squadra è vero molto fisica, ma anche solitamente organizzata e per niente farfallona.

Dopo gli Azzurri, Tonga se la vedrà nei test novembrini con Usa e Scozia; le altre Pacifiche in campo: Samoa inizierà col Canada poi intersecherà i percorsi di  Galles e Francia, Fiji invece sfiderà Inghilterra e Irlanda per chiudere con la Georgia. A proposito di Pacifico, in Tour Europeo c'è finalmente anche il Giappone di Eddie Jones, mandato tanto per cominciare sul Mar Nero, a vedersela con Romania e Georgia.

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web