domenica 23 dicembre 2012

Natale d'Oltremanica e celtico

Do they know it's Christmas time? Lo sanno anche Oltremanica e sotto l'albero ci sono regali e carbone. Premier e Pro12, quindi la cosa riguarda da vicino anche noi che siamo in attesa del ritorno tra Benetton Treviso e Zebre per decretare il vincitore del Trofeo (virtuale) Rugby Pro Italia, che vede al comando i Leoni per 4-1 dopo il 10-3 in trasferta ieri a Parma.

Partiamo dal campionato inglese dove ci sono movimenti per il quarto posto in classifica. I Northampton Saints perdono in casa contro la capolista, i London Harlequins, per 19-8, mentre il Gloucester vince sugli Exeter Chiefs per 18-16 e al momento entra nel gruppo di chi accederebbe ai playoff - ma siamo solo a metà stagione. Nick Evans infila i sei piazzati che consentono ai Quins di allungare sui rivali una volta entrati nell'ultimo quarto di gara sul punteggio di 6-6: acqua che non smette di scendere dal cielo (l'isola è alle prese con freddo e neve al nord, piogge nel resto del territorio) e la presenza di Stuart Lancaster sugli spalti del Franklin's Garden tra le note da prendere. Problemi in rimessa per i Saints, mentre Mike Brown (foto) pioggia o meno dimostra di essere al meglio delle condizioni non lasciandosi condizionare nel gioco aereo. Giornata non precisa dalla piazzola per Stephen Myler e in un contesto del genere anche un solo errore può costare caro. 
I Cherry & Whites invece possono contare su Freddie Burns, autore dei punti dei suoi dalla piazzola, pur subendo una meta dai Chiefs, marcata dal tallonatore Simon Alcott con un raccogli e vai al 57' per il 16-12 di Exeter, ma i padroni di casa si riportano avanti con la loro apertura. Al 73' il penalty decisivo che ha fatto arrabbiare il coach dei Chiefs, Rob Baxter con i suoi per non aver chiuso il discorso nel momento migliore, giunto con la meta. 

Nessun problema per i Saracens e Leicester Tigers, con i primi che lasciano a zero Bath al REC e le tigri che sempre fuori casa battono 31-9 i London Irish. I Sarries chiudono sul 22-0, confezionato con la meta del mediano Richard Wigglesworth al 21' e il piede di Charlie Hogdson, mentre per Leicester oltre alla doppietta dell'ala Niall Morris arrivano pure due mete tecniche (32' e 72'): nella prima il pack degli Exiles non regge in un ingaggio a 10 metri dall'area di meta, la seconda è frutto di un fallo da giallo a Jamie Gibson, con la terza linea che placca pericolosamente lo stesso Morris prima di una meta certa. 

Venerdì sera i Worcester Warriors hanno vinto lo scontro diretto con i London Welsh per 13-6, con la meta di Semisi Taulava a fare la differenza, arrivata al 55' e di fattura tutta isolana visto che partecipa all'azione il centro Josh Matavesi autore dell'off load che manda in meta il Numero 8 Warriors - che tra l'altro al 22' era stato ammonito dopo un ennesimo fuorigioco, concedendo a Gordon Ross di pareggiare il conto sul 6-6, punteggio sul quale si era chiusa la prima frazione. 

In attesa del risultato tra Wasps e Sale dove il grande assente è Danny Cipriani, ex vespetta prima della migrazione in Australia, lasciato in tribuna dallo staff tecnico, in classifica i Quins campioni in carica restano primi con 37 punti, seguiti passo dopo passo dai Sarries a 36. Il loro lo stanno facendo, i londinesi tra l'altro quest'anno hanno evitato inciampi in Europa e sono ormai ai quarti di HCup. I Tigers non mollano mai l'osso, sono terzi con 35 punti all'attivo, mentre Gloucester con il quarto posto e 33 punti stanno rispettando i piani di battaglia in un anno di "ripartenza" e tengono a breve distanza i Saints, quindi a 31. La seconda parte della classifica si apre con i Chiefs, 29 punti, nel 2012 impegnati anche in HCup nel girone di Leinster e Clermont: sono comunque una realtà solida, che nei finali di stagione si regala e regala emozioni. Settima Bath con 25, il tabellino immacolato contro i Saracens è una battuta d'arresto per un'altra società che negli ultimi tempi tra crisi economiche prima e ricostruzione poi non ha ancora un saldo equilibrio. Warriors e Wasps (in attesa di risultato) a parimerito con 24: per i primi primo salvarsi e ci stanno riuscendo, per i secondi le previsioni prima del via erano per alcuni anche peggiori, ma il lavoro prosegue. I Welsh sono decimi, 20 punti e possono festeggiare alla grande il Natale considerato che sono rimasti in ballo per sapere se potessero o meno partecipare al party delle grandi e di questo passo potrebbero rimanerci. Anche perché gli Irish (12) e Sale (6) proprio non si ripigliano. 

In Keltia come si arriva al cenone? Con Ulster saldamente al comando e soprattutto vincente sul Leinster: i nordirlandesi si riprendono dalla prima sconfitta stagionale patita in HCup con i Saints, quelli di Dublino dopo aver ceduto al Clermont cedono 27-19 ai rivali di campionato, che devono darsi da fare e parecchio prima di allungare e mettono in conto tre mete: tecnica al 37', Nick Williams al 44' ed Andrew Trimble al 73' e al quale risponderà cinque minuti più tardi Fergus McFadden. Undici su undici per Ulster, mentre Leinster è superata in classifica dai Glasgow Warriors che fanno proprio il primo scontro di 1872 Cup con Edimburgo per 23-14, con un primo quarto di gara a tutto gas e tre mete: la terza linea Rob Harley e il canadese DTH van der Merwe per la doppietta personale e con l'assist per Harley. 17-0 in 25 minuti. Piers Francis, il numero 10 ospite, marca l'unica meta dei suoi al 50'.

A Connacht il Munster passa per 16-12, allungando fino al 16-6 con Ian Keatley e una meta tecnica, ma scrollarsi di dosso il Connacht non è mai facile e arriva il punto di bonus difensivo grazie anche a Dan Parks che accorcia pure di drop. Nell'ultimo quarto Munster gestisce i quattro punti di vantaggio. 

Derby gallese tra Cardiff Blues e Scarlets che va alla squadra di Llanelli per 9-6: anche a Cardiff sono giorni di pioggia intensissima. I Blues all'Arms Park hanno vinto solo una volta da quando hanno deciso di tornare al vecchio impianto - scelta tra l'altro dettata per contenere i costi di fronte ai problemi economici rispetto all'affitto per i match casalinghi al Cardiff City Stadium di calcio e l'austerity economica coincide con una stagione low profile pure sul campo. 
Ospreys e Dragons a riposo, ma in Galles per il Boxing Day sono in programma due incontri con la squadra di Swansea che ospita gli Scarlets, mentre quella di Newport va in trasferta a Cardiff.  

In classifica, ordunque, Ulster sale a 47, con gli Scarlets staccati a 38, quindi Munster a 33 e Glasgow che scavalca Leinster: quarti gli scozzesi (saranno in combutta per i playoff fino alla fine anche questa volta) con 32, quinti gli irlandesi con 31. Gli Ospreys per ora fermi a 27, mentre dalla sconfitta di Edimburgo e Cardiff ne beneficia Treviso che sale al settimo posto, con 23 punti, tenendosi dietro i Gunners (21) e i Blues (20). Connacht a 13, Dragons a 10, Zebre ancora senza vittorie in cassaforte e a 5 punti, ottenuti dai bonus. 

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web