lunedì 17 giugno 2013

Highlights dall'Australia, parte III: c'è della sintonia in mezzo al campo


Come prosegue il tour dei Lions quando ormai il primo scontro con l'Australia è alle porte? Bene: domani la selezione di Warren Gatland affronterà i Brumbies, quindi sabato sarà finalmente il turno dei Wallabies di Robbie Deans e intanto sabato scorso è arrivata la vittoria per 47-17 sui Waratahs, con una prestazione molto convincente da parte di alcuni uomini chiave del gruppo. Però qui è il problema: il gruppo, acciaccato. Sia Jamie Roberts che George North rischiano di saltare il primo Test: l'ala è alle prese con un infortunio ai legamenti del ginocchio e le quotazioni lo danno fuori, mentre Roberts si trova nelle stesse condizioni dopo la partita contro i Waratahs che è stato costretto ad abbandonare nelle fasi conclusive e il dubbio sulla sua disponibilità o meno è stato definito "serio". E' nel reparto dei trequarti che si contano le maggiori preoccupazioni e per non rimanere con la coperta corta, di domenica è giunta la convocazione di Shane Williams che ha fatto balzare dalle sedie i cronisti britannici. 



Il folletto gallese era già in Australia per motivi di lavoro (è uno dei commentatori della serie dei British & Irish Lions) e dopo la chiamata ha voluto fugare qualsiasi indiscrezione sul suo stato fisico: ha salutato la nazionale nel 2011, dopo la Coppa del Mondo, aveva anche messo in conto di appendere definitivamente le scarpette al chiodo al termine della stagione 2011/12, ma ha quindi cambiato idea dopo un'offerta arrivata dal Giappone da parte del Mitsubishi Dynaboars. Nulla di particolare da segnalare, la notizia dal Sol Levante che ha provocato più clamore tra i gallesi negli ultimi due anni è arrivata sabato all'alba, con la sconfitta per mano della nazionale giapponese nel secondo incontro della serie per 23-8. Gatland ha messo ordine: "Abbiamo detto che avevamo bisogno di Shane per una partita. Abbiamo parlato con lui e il piano è che arrivi lunedì, si alleni, giochi il martedì e quindi lasci la squadra il mercoledì. Era assolutamente contento". A contattarlo direttamente è stata la spalla destra del manager neozelandese, Rob Howley: "Sul campo darò il 100%", ha risposto Williams dopo aver smaltito lentamente l'emozione. 

Lions: 15 R Kearney; 14 C Wade, 13 B Barritt, 12 B Twelvetrees, 11 S Williams; 10 S Hogg, 9 B Youngs; 1 R Grant, 2 R Best (capt), 3 M Stevens, 4 I Evans, 5 R Gray, 6 S O'Brien, 7 J Tipuric, 8 T Faletau.
Replacements: 16 R Hibbard, 17 A Corbisiero, 18 D Cole, 19 G Parling, 20 D Lydiate, 21 C Murray, 22 O Farrell, 23 S Zebo.

Domani quindi Stuart Hogg sarà riproposto come apertura (già accaduto contro il Combined Country XV), mentre Owen Farrell sarà in panchina. Entrano in gioco anche Christian Wade e Billy Twelvetrees, arrivati dall'Inghilterra di Stuart Lancaster (che nel frattempo ha superato per 51-26 l'Argentina nel secondo Test Match della serie, portandosi sul 2-0) e per l'occasione i gradi di capitano passano a Rory Best, aggregatosi dopo l'espulsione di Dylan Hartley nella finale di Premiership. In prima linea con lui anche il pilone scozzese Ryan Grant, altro membro del gruppo che si è aggiunto in seguito, dopo l'infortunio a Gethin Jenkins (per chiudere la lista, c'è Alex Corbisiero in panchina). Occhi puntati su Rob Kearney: l'estremo irlandese finalmente parte dal primo minuto, pare sia fit to play e aver smaltito i fastidi fisici. Il triangolo allargato dei Lions ha comunque già un punto fisso che si chiama Leigh Halfpenny, autore di due mete contro i Waratahs e ipotizzabile pure come ala, aprendo così la strada all'idea che Gatland possa avvalersi di un doppio estremo in uno dei tre incontri con gli australiani. 

Non solo Halfpenny (pensare che il ragazzo prima del 2011 era finito in un tunnel di infortuni che ne stavano compromettendo la carriera...), perché dal match dello scorso week-end sono emersi altri nomi chiave. Tipo quello di Jonathan Davies, il secondo centro che è andato a nozze con Jonny Sexton in fatto di timing e intesa - aprendo la via alle marcature di Halfpenny e da notare soprattutto come è nata la prima meta, firmata proprio da Sexton. Se quindi Brian O'Driscoll non è considerato come titolare nel ruolo di outside centre per la serie, lo staff dei Lions può dormire sonni tranquilli con Davies, abile a tagliare in mezzo al campo e a fare da sponda lungo la linea laterale. Abilità che già conoscevamo e che risaltano ancor meglio in questa estate. Quanto alla mischia, quando il gioco si fa duro Paul O'Connell sente l'odore del sangue: in coppia con Alun Wyn Jones ha compiuto un ottimo lavoro tanto in rimessa quanto nel gioco aperto, mentre Jones all'ultimo minuto è andato a recuperare l'ovale sotto i propri pali come solo i migliori fetcher sanno fare. Ciò detto, ecco che proprio Sexton pare aver preso il ritmo giusto e sempre tra lo staff tecnico dei leoni si incrociano le dita perché non resti bloccato da qualche contraccolpo fisico, leit motiv nella stagione dell'apertura irlandese. 

Manca poco, ormai: sale la curiosità per vedere il XV che Gatland schiererà sabato prossimo. Certo, a dare un'occhiata ai non convocati per l'impegno con i Brumbies, ci si può fare un'idea. Tranne che per la back row, dove la competizione è altissima per gli ultimi due posti in palio: quello di open side flanker lo giudichiamo già preso da Sam Warburton, se non altro perché è il capitano designato. 

1 commento:

Abr ha detto...

Interestign l'idea di Kearney in fondo con Half all'ala, o viceversa.

J.Davies ha sicuramente brillato nella partita coi 'Tahs, può fare anche da second five eight aldilèà del numero che porterà.

Resta da capire se tutta la sua iniziativa sia dovuta al "braccino corto" di un Sexton tenutosi abbastanza ai margini della partita, da punto di vista del ruolo dell'apertura.
Salvo beccarsi un placcaggio pesante non appena è tornato a fare il Sexton vero e s'è spinto più a ridosso della linea.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web