mercoledì 10 marzo 2010

Calcutta Cup: per Wilko è tempo di rivincita

Per un rugbista oggigiorno due anni sono tanti, considerate le tante partite giocate, le trasferte, gli impegni internazionali. Considerate le alterne fortune che da sempre contraddistinguono la carriera di Jonny Wilkinson, uomo della provvidenza per l’Inghilterra. Il drop nella finale mondiale del 2003, il primo di una lunga serie di infortuni, i molteplici ritorni, i record di punti e il viaggio nel rugby francese. L’apertura era al Murrayfield due anni fa quando lui e i suoi persero 15-9 contro la Scozia in uno dei pomeriggi più duri da digerire per gli inglesi.

Anche perché di mezzo c’è la Calcutta Cup che, nel 6 Nations, significa l’inizio di tutta la storia. Dalla Calcutta Cup nacque il torneo, il Championship. E sabato, a Edimburgo, si ritorna in campo. Non ci sono favoriti perché la Scozia è tosta, se dovesse riuscire e impostare la sua tattica potrebbe rivelarsi fatale come lo è stata per 60’ minuti al Galles a Cardiff. Mentre l’Inghilterra di Martin Johnson arriva un po’ incerottata dopo la sconfitta di due settimane fa in casa, a Twickenham, contro l’Irlanda.

Due anni fa Wilko venne sostituito nel corso del match, evento quasi unico perché è accaduto in tutto due volte da quando viene schierato titolare: al suo posto entrò Danny Cipriani, l’eterno incompiuto che scenderà a Sud alla fine della stagione. In due anni, appunto, accadono tante cose.

“Le lezioni più dolorosa sono spesso quelle più potenti e per me quello è definitivamente uno dei casi in questione”: così ricorda quel pomeriggio scozzese per Wilkinson. Che svela: “La partita di un paio di anni fa fu una grande lezione che ci insegnò che devi uscire per giocartela: non puoi aspettarti di costruire un match solamente in base a ciò che hai programmato sul foglio”. Ad esempio, le condizioni climatiche possono stravolgerti il piano e la Scozia è terra di docce. “Ho imparato che è molto utile sapere tutto ciò che compare sul foglio, ma poi devo metterlo in pratica sul campo”.

Il ragazzo prova così a scrollarsi di dosso anche la pressione che lo attanaglia in questo 6 Nations dove non è sempre lucido come i tifosi inglesi vorrebbero, basta ricordare la trasferta al Flaminio – anche se poi uno dei suoi drop ha fatto la differenza nel momento di stanca della nazionale vestita di bianco. A onor del vero, c’è da dire che non può sorreggere da solo la baracca: Wilkinson è targettato dagli avversari e non si tira mai indietro nei placcaggi o nelle fasi di contesa dell’ovale, alle sue spalle dovrebbe stare un vice regista che manca, per quando le aspettative su Riki Flutey fossero tante – forse enormi – prima che iniziasse il torneo.

“Una delle cose importanti per noi è comunicare quello che vediamo per tutto il campo. Abbiamo sprecato delle occasioni contro l’Irlanda e ce ne siamo resi conto solo rivedendo il filmato della partita. Ma Flutey sa quello che io sto cercando e viceversa, stiamo cercando di capirci di più. In settimana abbiamo fatto una bella chiacchierata assieme”.

Per il numero 10 di Johnson la Scozia giocherà allo stesso modo di Andy Robinson: “Era un atleta fisico, intenso. Come coach fa esattamente le stesse cose, ma in questo caso è abile a unire anche l’esperienza e l’intelligenza che ha messo da parte con lunghi anni di lavoro. Dobbiamo entrare in campo con una forza interna che sia in grado di adattarsi con tutto ciò che sarà dentro e fuori dal campo”.

2 commenti:

Gio ha detto...

Piccolo appunto: "definitely" non si traduce con "definitivamente", ma con "sicuramente".

ringo ha detto...

Grazie per la dritta: ogni tanto mi assale il vizio italiota dell'inglese maccheronico. Denghiù ;)

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web