lunedì 8 marzo 2010

Magners: Leinster comanda, Edimburgo non molla


È ancora Leinster a comandare in Magners League dopo la tredicesima giornata che si è giocata nel fine settimana. Gli irlandesi hanno battuto 29-20 i Cardiff Blues con una prestazione più efficiente che bella. I gallesi arrivavano da cinque vittorie di fila in campionato e hanno, a livello di numeri, condotto il match come possesso, senza però riuscire a rendersi pericolosi nel superare la difesa avversaria: tanto gioco, pochi punti, un po’ come la nazionale di Warren Gatland nei primi 40’ di gioco in questo Six Nations. Una sconfitta per i Blues che rimescola le carte in vista dei posti validi per la Heineken Cup e che permette invece agli irlandesi di rimanere primi in graduatoria.

Ottima la prestazione di Fergus McFadden, centro dell’Irlanda A, che ha aperto le marcature dopo otto minuti con un piazzato da posizione molto angolata. Dall’altra parte non era in gran giornata Ben Blair, anche se Cardiff ha potuto contare sulle buone prestazioni di Sam Warburton e Chris Czekaj, autore di un’importante meta all’inizio della ripresa per tenere legate le due squadre. Ma il vantaggio dei Blues non è durato a lungo: Eoin O’Malley porta i suoi nei 22 dei Blues, poi chiude la folata offensiva il tallonatore Bernard Jackman. Cardiff con un uomo in meno per un giallo all’apertura Ceri Sweeney: il piano di non prendere punti tiene fino a quando Berne segna il drop che segna l’allungo definitivo di Leinster e fa mancare il punto di bonus ai gallesi.

Parti inverse tra Dragons e Munster: vincono quelli di Newport per 31-22. Colpo pesante per O’Gara e compagni, che partono forte con una meta di Howlett poi negata dal video refree per un in avanti. I Dragons riescono a conquistare campo, ma il colpo grosso arriva con una volata di 40 metri dell’ala Aled Brew. La reazione del Munster è in una meta tecnica che la mischia conquista dopo essersi scrollata di dosso un po’ di pressione. Sulla situazione di parità (10-10), gli irlandesi concedono l’allungo ai Dragons con una serie di errori e falli: Tovey mette a segno due calci di punizione. Giallo al centro Lifeimi Mafi, colpevole di aver risposto all’arbitro Dudley Phillips, mentre a inizio ripresa Harries segna la meta del 20-7, sfruttando al meglio l’uomo in più. La risposta di Munster arriva con la terza linea O’Donnell, ma un’altra meta dell’estremo gallese Martyn Thomas (65’) e un calco di Tovey chiudono definitivamente i giochi.

I Glasgow Warriors mancano invece la possibilità di mettere pressione sugli Ospreys andando a parteggiare con Connacht per 19-19. Perché infatti nel big match della domenica i Gunners di Edimburgo chiudono la porta agli Ospreys con un secco 33-17: per la cronaca, Swansea rimane a secco di punti fino al 65’, quando gli scozzesi guidano 33-0.

Il primo tempo vede solo la meta di Cairns e la conversione di Blair quando sono trascorsi trentaquattro minuti dall’inizio del match. La seconda frazione vede l’esplosone dell'olandese Tim Visser arrivato quest'anno dalla Premiership, che segna tre mete in cinque minuti: al 47’, al 49’ e al 52’. Finisce che Edimburgo si ritrova sul 26-0 e chiude la giornata quattro minuti più tardi con l’ala Robertson. A quel punto gli Ospreys tentano la reazione di orgoglio che arriva con altre tre mete di Walker, Collins e Parker.

Vincono in casa gli Scarlets sull’Ulster per 25-8. I gallesi cercano fino alla fine la quarta meta per il punto di bonus pesantissimo in chiave europea, ma non ci riescono. A Llanelli la partita è messa sui giusti binari dall’inizio con il piede sull’acceleratore. Fenby e Knoyle vanno in meta al 3’ e al 20’, mentre per l’Ulster si riesce a sbloccare solo Humpreys sul finire del primo tempo che si chiude 15-3. La mancanza di disciplina costa caro ai nordirlandesi che si beccano due gialli (Pollock al 46’ e Caldwell al 70’). Priestland intanto segna la terza meta degli Scarlets dopo che Wallace aveva riaperto i giochi appena tornati in campo dagli spogliatoi.

La classifica: Leinster (11 pld) 34 pts; Edinburgh (13) 34 pts; Ospreys (12) 33 pts; Glasgow (12) 33 pts; Munster (12) 30 pts; Dragons (12) 29 pts; Ulster (12) 25 pts; Cardiff (13) 23 pts; Scarlets (12) 21 pts; Connacht (11) 12 pts.

1 commento:

Abr ha detto...

Vale sempre la tua considerazione: questa Lega è solo un botteghino, dove gallesi e irlandesi acquistano a buon prezzo l'ingresso in Heineken Cup. Basti vedere l'atteggiamento di Cardiff e delle gallesi in genere da anni a questa parte.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web