lunedì 10 maggio 2010

La Celtica passa ai playoff

Per una volta la fine stagione della Magners League lascia qualche briciolo di suspence e regala emozioni: merito dell'introduzione dei playoff e della incertezza per almeno due posti su quattro disponibili per dare la caccia al titolo.
Venerdi' gli Ospreys, gia' da un po' "dedicati" a far bella figura almeno in Celtic League, svolgevano senza soverchi problemi il compitino casalingo che gli avrebbe garantito (almeno) il secondo posto; sempre venerdi', Glasgow invece si procurava un prezioso e inedito posto ai playoff con le sue forze, prevalendo a Llanelli sull'orgoglio residuo di Stephen Jones e compagni.
Saltato il sabato, domenica erano in programma due autentici spareggi tra quattro candidate ai playoff, di cui una relativamente tranquilla e impegnata, con successo, a confermare la sua prima posizione, ci riferiamo a Leinster; un'altra, Edimburgo, cui serviva ma non bastava una vittoria da cinque punti; infine un autentico scontro diretto, in cui pero' una delle contendenti, Cardiff, partiva con l'handicap di quattro punti in meno sull'altra, Munster.
Vediamo com'e' andata, partendo proprio dai thriller della domenica.

Leinster 37 - 28 Edinburgh: gli scozzesi di Caeredin (in gaelico) si giocavano la remota chance di proseguire nella rincorsa ai playoff e al secondo posto guadagnato la scorsa stagione. Serviva una vittoria con bonus ma anche il concatenarsi complesso di risultati altrui. Han provato a svolgere il loro e ci sono quasi riusciti, ma non fino in fondo. I Gunners partivano forte portandosi 0-14 con le mete dell'estremo Thompson e dell'ala Robertson al 23' e al 29'. Leinster si rimetteva in carreggiata a quattro minuti dalla fine della prima frazione con la meta di Cian Healy (Man of the Match, in foto) e i punti al piede di Isa Nacewa schierato in emergenza all'apertura, chiudendo il primo tempo 10-14.
Alla ripresa i padroni di casa col piede preciso di Nacewa (sei su sei nei piazzati alla fine) allungavano fino al 20-14 ma gli ospiti opponevano un allungo fatto di due ulteriori mete per il bonus, con Kelly e ancora Robertson, portandosi sul 20-28.

Il dramma scozzese si materializza ancora nei minuti finali: inizia con ben due cartellini gialli, a Jacobsen al 70' e Hogg al 76'; ne approfitta Keogh che a tre minuti dalla fine segna la meta del pareggio, consentendo a Nacewa di marcare con la trasformazione il sorpasso 30-28. La concitata azione successiva mette la ciliegina sulla torta del patatrac scozzese: Godman tenta il drop della vittoria da posizione centrale dalla linea dei 10 metri, ma il suo calcio viene stoppato; la cavalleria irlandese si lancia nelle praterie aperte e Rob Kearney chiude in meta per un troppo pesante 37-28 finale.
Edimburgo passa in due minuti dai cinque punti guadagnati a uno solo; poco male, il risultato di Cardiff li avrebbe tagliati fuori lo stesso dai playoff. L'unica a rimetterci e' quindi paradossalmente ... Leinster: ora e' prima, mentre una sconfitta con bonus le avrebbe assicurato il secondo posto, lasciando agli Ospreys l'onere di incontrare Munster o al peggio Cardiff in semifinale ...

Cardiff 13 - 12 Munster: un vero e proprio spareggio, con tutto ciò che può comportare un match così importante, fondamentale a questo punto piu' per i visitatori irlandesi inopinatamente eliminati in semifinale dalla Heineken Cup che per i padroni di casa, finalisti di Challenge Cup. Gleision (Cardiff in gallese) alla fine prevale, e' giusto cosi' ma non basta. Nonostante tutta l'abituale foga e grinta riesce a scardinare la difesa irlandese solo una volta, con Jamie Roberts al 25' del primo tempo, mentre Munster cinicamente controlla e si tiene legata ai Blues grazie al solito cecchino O'Gara. Il primo tempo di fatto si chiude con Muster in vantaggio per 10-12.
Nel secondo la gara prosegue senza punti fino a due minuti dalla fine, tra le imprecisioni dei padroni di casa sovente fischiati per palle perse in ruck. Vince la solida sicurezza degli irlandesi, che riescono a non subire manco un punto anche in inferiorita' numerica, quando Horan viene pescato dell'arbitro per due volte in fila a smanacciare in ruck - va detto, il giallo a Munster per definizione arriva sempre troppo tardi: la palla sotto le ruck "ballava" costantemente come fosse dentro a un flipper e quasi mai il mediano gallese era lasciato a gestir palla senza disturbi. Durante l'inferiorita' numerica Ben Blair sbagliava il quarto tentativo di piazzare su cinque e anche O'Gara, udite udite, ne mancava uno, l'unico della sua partita.
Tutto procede senza svolte sino al minuto finale, quando a O'Gara dalla fronte marchiata da un tacchetto commette fallo a meta' campo; Halfpenny si incarica di marcare il penalty del sorpasso 13-12, che per via del bonus difensivo non concede ai gallesi di finalizzare con le semifinali la rincorsa dai bassifondi della classifica, come invece riuscito a Bath in Premiership.

Nel frattempo il venerdi' succedeva:
Ospreys 42 - 10 Dragons
Vittoria facile di Swansea nel derby gallese contro Newport e padroni di casa saldamente al secondo posto. Cinque mete ad una, con Biggar che confeziona 22 punti. A segno anche Ryan Jones, Walker e Bevington per gli Ospreys, mentre Evans trova il varco al 53' per i Dragons quando ormai Swansea aveva preso il largo (23-10).
Scarlets 32 - 37 Glasgow: in quel di Swansea, per una delle due semifinali, faranno capolino proprio i Warriors che grazie alla vittoria su Llanelli costruita su quattro mete, si piazzano al terzo posto al termine della stagione regolamentare. Partita avvincente fino alla fine dopo un primo tempo chiuso sul 17-16 per gli ospiti grazie al piede di Parks e alle mete di van der Merwe e Forrester tra il 15' e il 28'. Sono però gli Scarlets ad aprire i conti con Evans all'8' e a restare in scia con il piede di Jones. Llanelli prende il comando del match nella ripresa, portandosi sul 29-23 grazie alle marcature pesanti di Willaims e Jones, ma gli ultimi venti minuti sono di marca Glasgow con O'Hare prima e Stortoni poi che ribaltano nuovamente l'esito dell'incontro. Il resto lo fa il solito Parks.
Ulster 41 - 10 Connacht: senza storia e senza riflessi sulla post season la conferma di Ulster sulla cenerentola della stagione con sei mete a segno, contro una soltanto arrivata dagli ospiti. Humpreys partecipa alla festa con una delle sei tries alle quali aggiungere tre conversioni e un calcio di punizione.

Classifica finale:
  1. Leinster 55 pts.
  2. Ospreys 52
  3. Glasgow 51
  4. Munster 45
  5. Cardiff B. 44
  6. Edinburgh 41
  7. Dragons 39
  8. Ulster 36
  9. Scarlets 29
  10. Connacht 25
Guardatela bene, non solo perche' e' la prima edizione di Magners League coi playoff in cui tale graduatoria non vale il titolo, ma soprattutto perché dalla prossima stagione compariranno le due italiane.
Tornando a quella in corso, Leinster vs Munster e Ospreys vs. Glasgow sono le semifinali in programma come detto. Tra le due irlandesi è tempo di rivincita: un anno quelli di Dublino fecero lo scalpo ai rossi in semifinale di Heineken Cup, competizione dalla quale - guarda caso - sono uscite entrambe per mano delle francesi in questa edizione.

3 commenti:

Abr ha detto...

Un paio di dettagli aggiunti, avendo visto le due partite domenica sera - in contemporanea, screen diviso in due: eroico!

ringo ha detto...

Ma com'è che io sono l'unico che non riesce a vederle tutte queste cose qui?

Abr ha detto...

http://myp2p.eu/competition.php?competitionid=&part=sports&discipline=rugby

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web