martedì 22 febbraio 2011

6 Nations 2011: Hook pendolare del Galles

Da centro ad apertura e poi di nuovo centro. James Hook il 6 Nazioni se lo sta giocando così, come l'unica pedina che Warren Gatland, coach del Galles, decide di cambiare a seconda delle partite. Se due settimane fa nella vittoria al Murrayfield contro la Scozia, Hook indossava la maglia numero 10, contro l'Italia al Flaminio di Roma questo sabato tornerà nei panni di secondo centro, con Stephen Jones nuovamente in campo dal primo minuto: con una manovra offensiva che spesso naufraga negli intenti, Gatland vuole affidarsi ad un veterano come lui che ha buona percentuale di trasformazione dalla piazzola quando è in giornata, mentre Hook (al 50° cap) al centro dovrebbe fornire brio sia nella fase offensiva che in quella di ripiegamento, sempre che non si incaponisca egoisticamente, come fece proprio nel 2010 contro gli Azzurri a Cardiff, in assenza di Jonathan Davies per infortunio.
E' il cambiamento nel XV gallese che per il resto rimane quello che è. Lee Byrne estremo, il funambolico Shane Williams e l'operaio Morgan Stoddart alle ali, con Jamie Roberts a chiudere la lista dei trequarti come primo centro. In mediana, con Jones addetto alla regia c'è Mike Phillips, mentre Dan Lydiate, Sam Warburton e Ryan Jones compongono la terza linea. Occhio soprattutto al primo, che contro gli scozzesi ha mostrato buona attitudine allo scontro fisico.
Bradley Davies, uno dei migliori del Galles fino ad ora, e Alu Wyn Jones sono le due torri schierate in seconda, con Paul James, Matthew Rees e Craig Mitchell a chiudere il cerchio in prima. In panchina torna Leigh Halfpenny.
Coach Gatland invita i suoi a non abbassare la guardia dopo la pesante sconfitta degli italiani a Twickenham: "Sappiamo quanto tosti possano essere in casa. Sono stati una buccia di banana per noi qualche anno fa (due le vittorie italiane e un pareggio negli 11 scontri sinora, ndr). Allora facemmo 11 cambi, stavolta schieriamo il meglio che possiamo. Abbiamo bisogno di una buona prestazione e di un buon risultato".

Alla luce di queste scelte di per sé scontate per i motivi sopra ricordati, dal quartiere generale dell'Italia giunge notizia che Tito Tebaldi è stato convocato da Nick Mallett in attesa di capire quali siano le condizioni mediche di Pablo Canavosio, mentre già ieri Troncon aveva dichiarato che gli Azzurri ripartiranno da Fabio Semenzato come mediano di mischia. Torna al Benetton Treviso invece Paul Derbyshire, che non ha ancora risolto i problemi al soleo della gamba sinistra. Il ragazzo avrebbe fatto comodo contro un Phillips mediano che viste la sua tendenza ad attaccare le guardie fuori dai raggruppamenti, potrebbe anche schierare come terza linea. La fisicità comunque non manca con Sergio Parisse, Alessandro Zanni, Robert Barbieri e Manoa Vosawai.

Wales: L Byrne (Ospreys); M Stoddart (Scarlets), J Hook (Ospreys), J Roberts (Cardiff Blues), S Williams (Ospreys); S Jones (Scarlets), M Phillips (Ospreys); P James (Ospreys), M Rees (Scarlets, capt), C Mitchell (Ospreys), B Davies (Cardiff Blues), A-W Jones (Ospreys), D Lydiate (Newport Gwent Dragons), S Warburton (Cardiff Blues), R Jones (Ospreys)

Replacements: R Hibbard (Ospreys), J Yapp (Cardiff Blues), J Thomas (Ospreys), J Turnbull (Scarlets), T Knoyle (Scarlets), R Priestland (Scarlets), L Halfpenny (Cardiff Blues)

11 commenti:

tagus ha detto...

meglio così,jones dovrebbe attaccare meno il canale che cmq spero sia di burton e non di orquera.
purtroppo pare che ci sarà il sole sabato,ma potremmo metterli comunque in difficoltà davanti,specie se castro non si farà irretire da james,come accadde in heineken un par d'anni fa(però lì l'arbitro era "lamischiaquestasconosciuta"pearson).
per il resto sono superiori in mediana e fuori e pure le 2 terze ali mi hanno impressionato nelle prime 2 giornate.
l'è dura,anche perchè pure il galles può portare fuori la biglia e farci correre mettendoci in difficoltà. ma forse stavolta potremmo prendere almeno le nostre touches

Abr ha detto...

La fisicità alla ns. terza linea nel senso di massa statica non è mai mancata, quel che è mancato purtroppo è l'aggressività positiva sul punto d'incontro, il tentare di grillotalpare che solo Derby - e Festuccia come Ghiraldini - sanno tentare con un po' di continuità.

La scelta di Hook al centro: vorrà dire che voglion far girar palla, impostarla sul ritmo? Strano eh?
Speriamo si piacciano tanto e si dimentichino di Jamie Roberts.
Passaggi dietro la schiena speriamo non ne facciano: qualcuno dei nostri, uno a caso, potrebbe ispirarsi ...
Per fortuna c'è Phillips in campo, con quei suoi passettini il mediano dal passaggio più lento al mondo dopo Tebaldi e con più idee in testa di Parra. Solo che lui penetra efficacemente, mannaggia ...

Abr ha detto...

(ci vuole il fisico adatto per grillotalpare con efficacia e continuità: devi essere un openside vero, cortino quindi veloce, stabile e con le braccia lunghe, come Pocock, Broussow, o appunto un tallonatore ...)

Abr ha detto...

La loro terza dice tagus. Molto solida, fisica, combattente, con Walburton a far più
il McCaw che il Pocock (quello più coraggioso che tecnico, che si butta in mezzo sempre e come va va).
Paradossalmente per come siamo messi, potrebbe esser perfetta per la nostra (nel senso, a noi favorevole, o perlomeno non dominante come quella inglese che ci ha surclassato), con Vosawai o meglio Barbieri assieme a Zanni e Parisse.

Abr ha detto...

Arbitra Wayne Barnes, un nome una garanzia. Speriamo non solo per i loro trequarti e i ns. fuorigioco ...

ringo ha detto...

E ribadisco, occhio a Bradley Davies perché - come dire? - è un utility forward in certe situazioni e in certi momenti del gioco. Poi sta tutto a vedere come decideranno di giocare i nostri: sbagliare è umano, perseverare diabolico.

Abr ha detto...

Davies è il più pericoloso del suo pack in fase offensiva, ma più nel gioco aperto che in quello chiuso.
Sotto tale profilo mi basterebbe che i nostri lock si focalizzassero sulla difesa senza far falli e sulle fasi statiche, e che fossero più pronti di un Nathan Hines: non ci vuol molto spero ...

tagus ha detto...

a proposito di wallburton,nei primi 10 minuti di partita vedrei bene 2 belle cornate di totò o gelden., nel quadro di una legittima difesa del gate,così giusto per provare a mettere qualche granello di sabbia nell'ingranaggio della sua sicurezza;il tecnico anglosassone,o ancor meglio bokke, che annetta importanza anche a singole sitazioni topiche dovremmo averlo.
in questo sono incline a consentire con l'approccio britannico:servono dei commandos che si occupino di risolvere singole situazioni ed una che gatland vorrà sicuramente esplorare,in assenza di nostre contromisure,sarà sicuramente la ns lentezza nell'area del breakdown che potrebbe divenire esiziale se ci fosse chi ci ruba il possesso consentendo il contropiede a gambe veloci come williams,byrne ed hook.
ma,anche alla luce della demenziale gestione dell'affaire poite, ci sarà la voglia di metterci studio,voglia e neuroni in mallet e nel suo staff?

Abr ha detto...

Neuroni nello staff, ma quando mai? Tolto Mallett che pare aver accettato il "commissariamento" e si rifugia nel ruolo di fratello maggiore dei senatori del team, sperando in una rivolta stile egitto-libico avverso la gerontocrazia federale in caso di sua cacciata anzitempo?

Tagus, spero poi che nessuno, a partire da Troncon, dia mai "la carica" a nessuno dei nostri: non con Wayne Barnes ad arbirare.
Potrebbe anche essere che i nostri siano maturati, ma ricordo Masi giallato al primo minuto qualche anno fa, ricordo le bojate nel breakdown di Dellapè nel primo tempo contro Fiji ...
I nostri van tenuti calmi, non pungolati.

Vero peraltro che tenteranno d'infilarci vicino al punto d'incontro, l'han fatto anche gli inglesi. E loro in più hanno Bradipo Bradley, come ricorda il socio, che arriva lanciato a supporto ...

tagus ha detto...

verissimo,ed è proprio per questo che un tecnico coi neuroni deve prendere chi è più incline a sbroccare(ad es.totò,ma citi giustamente anche dellapè) e deve lavorare tutta la settimana x canalizzarne l'aggressività in qualcosa di strategicamente utile.
poi hai ragione: se il compito viene affidato a troncon è come mandare pasquale barra detto o' animale a far catechismo a er bufalo della banda della magliana

Abr ha detto...

:) (com'è che dicono in rete? Lol)

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web