sabato 26 gennaio 2013

Il Top14 non lo ferma manco il Sei Nazioni

Le Coppe della fase "open", di massa sono finite ma i campionati maggiori d'Europa continuano la sosta, nel nome dell'incombente Sei Nazioni. Fa come sempre eccezione la Francia, dove la potente Lega LNR organizzatrice del Top14 (e ProD2) non si fa intimidire dalle esigenze federali-nazionali. Unica (costosa) concessione, la sedicesima giornata del campionato di vertice francese è stata disputata venerdì (con un anticipo giovedì) invece che nel weekend.
La cosa ovviamente non toglie argomenti al coach della nazionale Philippe Saint-André, che nota pubblicamente come il suo sia l'unico staff di tutte le Sei Nazioni a non avere ancora avuto i giocatori a disposizione. Argomento invero deboluccio: in Francia nessuno sarebbe disposto a sentirselo spacciare come scusa per una eventuale seconda sconfitta in fila in Italia. Il coach transalpino deve rassegnarsi a farsi bastare una settimana per preparare la trasferta presso Les Italiens. Meglio per lui che riesca ad usarla a mo' di training on the job, confermando la forza mostrata dai Bleus in novembre e partendo col piede giusto in un anno con due sole partite in casa, mentre le rivali più quotate Inghilterra e Irlanda ne avran tre.
Piuttosto la giornata costa ai Bleus l'infortunio del giovane, potente estremo Bruce Dulin, titolare in novembre, ma oltre le Alpi con gli àrriere cascano sempre bene: al posto del Castrais torna in nazionale il tolosano Maxime Medard. In precedenza la coppa (in particolare la partita Tolosa- Treviso, scrappy come all'andata) aveva causato il forfait del giovanissimo centro Gael Flickou, rimpiazzato convocando l'ala di Perpignan Adrien Planté.
[Update: anche Vincent Clerc è vittima della giornata di Top14 e resterà a casa. Al suo posto arriva Hugo Bonneval, tolosano di nascita in forza allo Stade Francais].

Veniamo alla sedicesima di campionato: si caratterizza per due vittorie in esterna, di Racing e Montpellier in visita alle due contendenti sempre alla pari nella lotta per evitare l'ultimo posto retrocessione Agen e Bordeaux; si rilancia anche lo Stade Francais, mediante vendetta sulla sua recente bete noire Grenoble, alla quale strappa l'unico bonus offensivo della giornata. A proposito di rilanci, potente è quello della ringalluzzita Perpignan in casa a spese di Clermont, mentre Bayonne batte in casa nell'anticipo la pericolosa Castres.  Tolosa e Tolone si confermano: impegnativa la prova dei campioni in carica con Biarritz, più semplice sulla carta per i primi in classifica ma Mont de Marsan riesce a portare a casa il bonus difensivo anche in Rada.
I risultati:




- A Baiona (scritto alla basca) l'anticipo col Castres rimane in equilibrio fino alla mezz'ora, quando viene risolto dalla meta del centro figiano ex Tolone Gabriele Lovobalavu. Un evento per il club basco peggior realizzatore di mete del campionato davanti solo ai Montois,  sovente costretto ad affidarsi al solo piede di Joe Potgieter. Per dire, un certo Joe Rokocoko a Bayonne da due anni, non ha ancora marcato una sola meta in campionato. Mai.
Baschi sempre galleggianti in terra di nessuno, né coinvolti nella retrocessione e distanti dai playoff; Castres perde un posto solo, per la contemporanea sconfitta del Grenoble, ora è quinta.
- A Perpignan è sfida colpo su colpo con Clermont con una meta per parte, prima del lock d'Oltremare Romain Taofifenua, poi la risposta del flanker franco-portoghese Julien DeSousa-Bardy. Il punteggio all'ora di gioco è 17-19 per gli ospiti, i catalani prendono il controllo della gara nell'ultimo quarto, grazie a due piazzati di James Hook (18 punti totali) e a un drop finale del mediano subentrato a Cazenave, il veterano David Melé.
USAP a tiro del sesto posto (quattro punti di distanza), Clermont raggiunta da Tolosa al secondo.
- Vendetta dello Stade che sistema Grenoble dopo la sconfitta di settimana scorsa in Coppa, con un netto 35-6, quattro mete a zero di tutti i trois-quart, mediani a parte (l'estremo non c'entra, un tempo era il quatriéme quart): nell'ordine di numero Sinzelle, Turinui, Dumaryou, Paul Williams. Solo parziale riposo per capitan Parisse, si fa gli ultimi venti minuti (se Saint-Andrè non ha ancora i suoi a disposizione, è altrettanto vero che alcuni suoi colleghi non li han TUTTI).
Club del Delfinato fermo al sesto posto, Franciliens che raggiungono Biarritz, un punto sotto l'USAP.
- Tolone produce il minimo sindacale col Mont de Marsan ma solo a livello di punteggio: vince solo 15-9 nonostante le due mete a zero (Masoe e Palisson).
Rossoneri sempre primi staccati, Montois raggranellano l'ennesimo bonus difensivo, il quinto, ma restano distanti dalla salvezza.

- Le due vittorie in trasferta: in progressione quella dei parigini del Racing, grazie a una meta (del centro Dumoulin) ad Agen marcata nel secondo tempo, dopo che Jonathan Wisniewski recuperava il vantaggio dei padroni di casa, siglato nel primo tempo da Camille Lopez. Vittoria invece pericolante quella del Montpellier a Bordeaux: eppure gli ospiti nel primo quarto potevano capitalizzare sulla meta di Timoci Nagusa e sull'espulsione definitiva dell'estremo di casa, il giovane australiano ex Force Ben Seymour. Invece la squadra dell'Herault faticava a mantenere le distanze coi piazzati di Bustos Moyano e si faceva quasi raggiungere (9-10) al 65' dal piede del solito Conrad Barnard.
Montpellier sale al quarto posto, il Racing è appaiato col Perpignan alle soglie della zona playoff; le duellanti per la salvezza continuano a procedere pari passom a colpi di punti di bonus difensivi (7 per entrambe sinora).
- Il coach di Tolosa Guy Novés ringrazia l'abnegazione e la professionalità dei suoi internazionali, reduci dalla terribile e sudatissima delusione di Leicester. A  loro, afferma, si deve la vittoria sul Biarritz, che invece aveva affrontato il turno di coppa già rassegnata e senza gran mordente. La rabbia si vede nei primi dieci minuti, coi campioni di Francia già sul 13-0 (meta di Picamoles e piazzati di Beauxis, entrambi presenti a Leicester). i baschi rispondono alla mezz'ora con la meta del veterano Peyrelongue, schierato apertura in coppia col giovane LesgorguesYachvili inserito nell'ultimo quarto d'ora (tipica rotazione da trasferta tosta che si riveli ancora apribile nel finale), porta gli ospiti sotto fino al 16-14; allontana il rischio un altro reduce da Leicester, Luke McAlister, con un piazzato finale.
Tolosa aggancia la seconda Clermont, Biarritz viene raggiunta dallo Stade a cinque punti di distanza dal sesto posto.

ClassificaClassement
PtsbobdJGNPp.c.Diff.
1
Toulon
=
6172161303459237222
2
Stade Toulousain
5442161204432289143
-
Clermont
5433161204400274126
4
Montpellier
454116100634931534
5
Castres
44151691634928663
6
Grenoble
4211161006327340-13
7
Perpignan
382416808372380-8
-
Racing
38151680829428410
9
Stade Français
3712168173763760
-
Biarritz
372316808303309-6
11
Bayonne
=
3015166010257366-109
12
Agen
=
1916163013248420-172
-
Bordeaux-Bègles
=
1907163013292379-87
14
Mont de Marsan
=
905161015222425-203

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web