mercoledì 20 febbraio 2013

Sarebbe il caso di imparare a rispondere

La questione, ora che sappiamo che il capitano azzurro Sergio Parisse non sarà della partita a causa della squalifica di 40 giorni per insulti all'arbitro ("Fuck off, ref", ha riportato sul referto l'arbitro francese Cardona in merito al fatto ormai famigerato accaduto durante Stade Francais - Bordeaux) - la questione, dicevamo, non dovremmo nemmeno più porcela. Eppure qualche giorno fa Shaun Edwards, l'assistant coach del Galles che sabato sarà all'Olimpico, aveva mosso le prime pedine: "Non è una sorpresa per me che sia stato cacciato per aver parlato con l'arbitro. Se si riguarda il match dell'anno scorso si sente chiaramente che a un certo punto minaccia uno dei nostri giocatori. Quindi non è una sorpresa". Dunque Parisse fa sentire la sua voce in campo, ma nella guerra della pressione (mica psicologica, qui è pressione pura, perché il rugby non è sport di contatto, ma di scontro) Edwards lo fa pesare: preoccupante sarebbe il contrario, vale a dire assistere ad un capitano che se ne sta quieto, ricordando l'imbarazzante Mike Tindall per l'Inghilterra alla RWC2011, quando spediva Nick Easter a parlare con l'arbitro al suo posto, rifugiandosi dietro alla scusa di avere un taglio sul labbro a dargli fastidio. Pressione, spacciata anche per galanteria: "Ovviamente parliamo di un giocatore stimato ovunque al mondo. E' molto creativo, soprattutto partendo dalla mischia, ha qualità in touche e sa fare gli offload".

Era già accaduto, due anni fa, quando il Galles che poi sarebbe arrivato quarto ai Mondiali, protagonista di un'epica semifinale contro la Francia e in seguito avrebbe fatto suo il Six Nations con tanto di Grand Slam, arrivò al Flaminio con un gruppo ancora tutto da collaudare: c'erano Sam Warburton e Justin Tipuric, Rhys Priestland muoveva i primi passi all'apertura, ma era tutto in fieri. Alla vigilia del match, lo staff tecnico gallese spostò la pressione tutta su Parisse, evidentemente considerato key player della nazionale tanto di Nick Mallett quanto di Jacques Brunel
Ci sta, si è visto di peggio - tipo i cronisti irlandesi che stendono articoli e articoli su Wayne Barnes alla viglia di Clermont - Leinster di Heineken Cup o le lamentele di Graham Henry con i vertici arbitrali ovali dopo quella mischia neozelandese rinchiusa in un angolo a San Siro. Però, sic rebus stantibus e non essendo verginelle, tanto vale rispondere, garbatamente, perché "if you can't take a punch, you should play table tennis".

Ad esempio, ci sarebbe Mike Phillips, che ancor prima di approdare in terra francese interpretava al meglio la parte del mediano di mischia merdeuse: l'arbitro fischia un fallo per i suoi, lui si avventa sull'uomo con la palla che tarda a liberarla e riesce ad essere fastidioso allo stesso livello di Peter Stringer, do you remember? Oppure James Hook, altro che sul campo forse non minaccerà chi ha di fronte, ma così sportivo e galantuomo non è (al punto da beccarsi una tramvata da Mirco Bergamasco al Millennium Stadium nel 2010). Mentre Tipuric ha dimostrato di non limitare l'uso dei tacchetti in ruck (chiedere a Jonathan Sexton). Non è per mettere in discussione le persone - è un gioco, dopo tutto -, ma è per rispondere alle prime bordate lanciate da Edwards e di fronte alle quali (in questo caso come in molti altri) l'attitudine di casa nostra - commentatori compresi - è di prendere e riportare le mere dichiarazioni, senza alzare il sopracciglio o almeno dandone l'impressione. E' scontro, non contatto, per di più in vista di una gara che prima del torneo si era accreditata come la più quotabile per gli Azzurri. Pressione, mettere pressione. 

Ps: lo dice Ringo, che per i dragoni ha un debole mai celato.

8 commenti:

Hooker ha detto...

Premesso che anche io ho un debole per i dragoni, devo dire che ritengo un po' viscidina l'uscita di Shaun Edwards perchè palesemente strumentale e infondata. Ma sono cose che capitano.
Vero che si potrebbe metter loro un po' di pressione sul piano della comunicazione, anche perché qualche spunto oggettivo ci sarebbe (oltre a quanto già detto si guardi il comportamento di Adam Jones nelle maul), ma non so quanto sarebbe fruttuoso.
Comunque credo che l'assenza di Parisse, da brutta tegola, potrebbe trasformarsi in opportunità. Se i nostri riusciranno a reagire con una bella prestazione (vale solo la vittoria!) potrebbe aiutare molto la squadra a crescere in consapevolezza. In fondo, anche se Il nostro Sergione é tra i migliori del mondo, in terza linea siamo messi abbastanza bene. Paradossalmente potrebbe pesare più un'assenza tra i trequarti o in prima linea.

ringo ha detto...

Ovviamente nel momento in cui si rispondesse, vanno già prese le contromisure proprio per la mossa fatta - come negli scacchi. Soprattutto se gli tocchi Adam Jones, che senza quello in mischia si ritroverebbero con molti grattacapi.

Anonimo ha detto...

L'uscita di Edwards e' quello che e' (tra gli esempi riportati del passato si e' dimenticati un caso italiano...la fantomatica letterina di scuse di Poite per Mallet) pero' Edwards nella sua intervista e' stato molto preciso nel riferimento della partita Galles-Italia (ed altrove con disprezzo delle regole del giornalismo si e' riportato in virgolettato una traduzione molto libera di quello che Edwards ha detto). Purtroppo io non ho la partita registrata se voi ce lavete non per difendere Edwards ma potreste dire se almeno quello che lui dice ha un fondo di verita'?Ha Parisse detto all'arbitro "what damage he was going to do to one of our players."

ringo ha detto...

Purtroppo no o almeno non l'ho trovato cercando né su youtube né su qualche altro sito.

Anonimo ha detto...

Grazie anche io avevo cercato su youtube ma non l'ho trovata...era semplice curiosita'

pabloz ha detto...

Trovo assolutamente RIDICOLO che un allenatore si permetta di fare queste dichiarazioni, cioè di riportare frasi che si dicono sul campo! Trattasi quindi di strategia di comunicazione per fare pressione non su di noi, ma sull'arbitro di sabato...
E' come se Brunel dicesse "Abbiamo paura degli spear tackle di Warburton, tutti hanno visto cosa ha fatto durante la semifinale".
Sul Telegraph l'intervista la riportano così:
http://www.telegraph.co.uk/sport/rugbyunion/international/wales/9878779/Six-Nations-2013-Wales-defence-coach-Shaun-Edwards-hits-out-at-Italy-talisman-Sergio-Parisse-over-war-of-words.html

Vogliamo veramente metterci a riportare tutto quello che viene detto in campo? Ma per favore! Piuttosto pensino al vergognoso stamping che hanno fatto con l'Irlanda!

ringo ha detto...

Ridicolo? Fa parte del meccanismo, del mettere pressione. Altre cose ridicole si sono viste nel rugby, ma personalmente non sono dell'idea che le parole di Edwards possano inserite in questa cartella.

pabloz ha detto...

Ridicolo perchè, ripeto, se ci mettiamo a riferire le frasi dette in campo non se ne esce più. Poi siamo d'accordo che trattasi di meccanismo per fare pressione.
E ridicolo ancor più perchè a commento di una sceneggiata surreale, come quella dell'arbitro francese con Parisse. Surreale o in malafede, ognuno si faccia la propria opinione.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web