mercoledì 20 febbraio 2013

Lo spirito dei Brits, firmato Michalak

Se vuoi battere l'Inghilterra, devi mostrare il loro spirito. Dunque sabato la Francia sarà a Twickenham, con due sconfitte sul groppone nel 6 Nations 2013 e l'ultimo posto in classifica, a secco, e Frédérick Michalak a se stesso e ai suoi compagni d'arme dice: "Abbiamo bisogno dello spirito dei britannici. Si sa, noi siamo francesi, ci dilunghiamo troppo sulle cose, addirittura il giorno prima di una partita continuiamo a parlare di ciò che è accaduto la settimana precedente, continuando a focalizzarci su cose che sono ormai il passato". E dato che Michalak è approdato nel Sud d'Oltralpe, nel Tolone dove opera Jonny Wilkinson, riporta le parole della stessa apertura inglese: "Mi ha detto: voi tutti parlate troppo. Gli ho risposto: benvenuto in Francia. Mi ha insegnato l'importanza di andare avanti, di non guardarsi indietro, di concentrarsi sul futuro. Il segreto è lavorare duro, poco importa ciò che è successo, brutto o bello. Ecco dove sta il segreto". 

Il numero 10 di Philippe Saint-André, quasi un decennio speso ad allenare in terra d'Albione con titolo di Premiership vinto, non può evitare di ricordare a se stesso che prima con gli Azzurri poi con i gallesi le cose non sono andate bene e che quella del 2013 è la peggior partenza francese dal 1992. "La sconfitta in casa è stata particolarmente dolorosa", racconta al Telegraph. E di fronte all'insoddisfazione rumorosa del pubblico non si scompone: "E' normale che abbia reagito così". Dunque la Francia ha la squadra per battere questa Inghilterra? "Certamente. Devi sempre crederci o ti ritrovi con niente. Dobbiamo comportarci come abbiamo fatto a novembre per battere l'Australia, con desiderio e precisione. Per Twickenham dobbiamo portarci dentro l'orgoglio, giocare con il cuore". 
Michalak con molta probabilità troverà davanti a sé Brad Barritt, il centro dei Saracens di origine sudafricana con il quale ha giocato nei Natal Sharks. Ma soprattutto ci sarà Owen Farrell: "Ha un grande approccio sul campo, è un boss, no? Brad di sicuro farà un grande lavoro là fuori: parla, organizza e si assicura che tutto vada nel verso giusto". Quanto alla sua posizione sul terreno di gioco, non si pone troppe questioni: "L'ho fatto per tutta la mia vita", afferma riferendosi al fatto di essere stato utilizzato come mediano di mischia nel club attuale e come apertura nella nazionale, "è tardi ormai preoccuparsene ora. Il gioco moderno è molto più interscambiabile. Sul campo devi essere uno che sa adattarsi". E possibilmente conservare lo spirito dei Brits.

1 commento:

Anonimo ha detto...

il problema dei mangiarane è che dopo austerlitz non ne hanno imbroccata una giusta ...... ;) io non mi fiderei troppo xchè potrebbero sbancare twickenham con la stessa facilità con cui hanno perso con noi... ironduke

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web