sabato 13 aprile 2013

Italiane sconfitte in Galles, O'Connell scalcia

Aggiornamenti dal Round 20 del Pro12 ormai messo agli atti con le partite del pomeriggio che hanno visto impegnate sia le Zebre che la Benetton Treviso e per entrambe è giunta una sconfitta. La franchigia federale perde all'Arms Park per 28-13 con i Cardiff Blues che grazie al successo si assicurano un posto nella prossima stagione di Heineken Cup come terza miglior gallese, complice anche la sconfitta di ieri dei Dragons che quindi rendono la matematica non un'opinione. Niente immagini televisive, qui il resoconto completo dell'ultima trasferta stagionale dei parmensi da parte dell'ufficio stampa bianconero. 
Rugby mud a quelle latitudini, perché se da noi è spuntato il sole di primavera Oltremanica invece si continua a fare i conti con la pioggia, come accaduto pure a Swansea. L'apertura Rhys Patchell firma anche una delle tre mete dei padroni di casa, le altre sono del centro Gavin Evans e della sua spalla, il dottor Jamie Roberts che saluta al meglio il suo pubblico visto che non rimetterà più piede all'Arms Park come giocatore dei Blues, pronto a trasferirsi in riva alla Senna per il Racing Metro. Leigh Halfpenny ci mette il resto, mentre per le Zebre marca visita Filippo Cristiano ad un minuto dalla fine. 

I Leoni di Franco Smith, che sono a quota 19 partite disputate in attesa di recuperare con il Connacht tra due settimane, perdono invece per 28-3, dopo essere passati in vantaggio dalla piazzola con Tobias Botes al 7'. Il pareggio dei padroni di casa arriva dopo il prima quarto di gara con Dan Biggar che alla fine prende le misure con i pali (5/7 in totale) e che tra il 21' e il 32' fissa il 9-3, ma il punto di svolta arriva allo scadere del primo tempo quando Tommaso Iannone gioca rapido una rimessa nei propri 22 dove però ci sono anche tutti i gallesi, la pressione su Botes si fa sentire e su un pallone vagante arriva l'ala Ben John che raccoglie e schiaccia in meta. L'arbitro, l'irlandese Phillips, chiede lumi al TMO,  dalle immagini si vede non solo che Iannone lancia la rimessa veloce da dentro l'area di meta (si può? No; legge 19.2 b) ma anche che l'ala Ospreys ha chiaramente un piede appoggiato fuori dal campo quando prende palla e schiaccia in meta; il TMO ignora la duplice falla e consiglia l'arbitro di  "premiare l'azione" o punire la dabbenaggine, diciamo così. Cose che capitano in Keltia. Si va quindi negli spogliatoi sul 14-3. Il vero momento di svolta della gara era avvenuto a metà del primo tempo, quanto il capitano biancoverde Antonio Pavanello aveva dovuto lasciare per un infortunio alla schiena, privando la rimessa laterale del suo punto di riferimento (assente anche Zanni) oltre che del "guastatore" delle rimesse altrui; prima Benetton aveva imposto il suo gioco, entrando in crisi solo su alcune palle alte nel tempo piovoso, rischiando anche una meta su palla vagante. 
Con la ripresa gli Ospreys vogliono a tutti i costi il successo per restare attaccati agli Scarlets in ottica play-off al quarto posto e al 50' il fumble di Edoardo Gori a contatto consente allo stesso Biggar di andare a marcare in prossimità dei pali per il 21-3 che si trascina fino alla fine, quando Rhys Webb, schierato al posto di Fotuali'i segna la terza meta dei suoi. Niente bonus offensivo, dunque, perché match dopo match, specie con i Leoni in campo, i tempi del bottino pieno con carico al seguito paiono allontanarsi. Veneti che si dimostrano abili nel mettere in crisi le rimesse avversarie prima dell'uscita di Pavanello. Lavoro per Paul Derbyshire e Simone Favaro in difesa e biancoverdi che resistono ai tentativi della formazione di Swansea anche quando si ritrovano in inferiorità numerica dal 60' per il giallo a Bees Roux (alla prima mischia senza il pilone boero rientra Lorenzo Cittadini e pack trevigiano che porta a casa un fallo). 

Mentre accadeva tutto questo, il Leinster vinceva 22-16 sul Munster in trasferta, salendo al secondo posto in classifica. La squadra di Limerick nel primo tempo segna con Ian Keatley e Felix Jones, ma un Ian Madigan in gran forma e lo zampino del solito Brian O'Driscoll al 71' consentono il sorpasso nell'ultimo periodo di partita. Ma attenzione, ci sarà da discutere in settimana per il pestone di Paul O'Connell ai danni di Dave Kearney che se giudicato falloso potrebbe costare molto caro in termini di squalifica alla seconda linea irlandese, proprio ora che dal suo rientro si è dato da fare per una chiamata con i Lions in giugno. Video in fondo al posto, giudicate voi (via thescore.ie). 



Per chiudere il quadro, ieri sera era arrivata anche la vittoria del Connacht su Edimburgo in terra scozzese: 32-24, Si segnala la prima meta per la provincia di Galway del giovane estremo Robbie Henshaw mentre agli otto calci di Greig Laidlaw fanno da contraltare i punti al piede di Dan Parks, uno che il Murrayfield lo conosce molto bene. 

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web