venerdì 26 marzo 2010

6 Nations, le urne preferiscono Bowe


Chi si avvale del diritto di votare a volte opera con logiche diverse da quelle pertinenti al riconoscimento da attribuire: spesso lo fa per appartenenze e non solo nello sport.
Tant'è che a furor di popolo europeo votante, è l'irlandese Tommy Bowe il miglior giocatore del 6 Nations 2010.
Il ragazzo classe '84 ha raccolto il 50% delle preferenze, superando di poco il compagno di squadra premiato nel 2009 O'Driscoll (a proposito di appartenenze) ma soprattutto ha stracciato, almeno nelle urne, il francese Imanol Harinordoquy, il sontuoso numero 8 che ha contribuito in modo determinante alla vittoria finale della sua Francia con tanto di Grand Chelem. Il gigante transalpino si è fermato al 20%, seguito dal compagno di squadra Morgan Parra (11% dei voti). Per le statistiche, Bowe ha segnato tre mete al pari di Earls, Williams e Hook nel torneo che non è stato particolarmente frizzante per l'Irlanda detentrice del titolo: una prestazione opaca con l'Italia, la scoppola con la Francia e con la Scozia, le due vittorie su Inghilterra e Galles senza brillare.
"E' stato un torneo di emozioni miste per la squadra irlandese, ma essere nominato giocatore di questa edizione è un modo fantastico per concludere quello che è stato un entusiasmante 6 Nations", ha dichiarato l'ala degli Ospreys. "Essere votato giocatore del torneo dai fans è un enorme complimento e li ringrazio per il tempo speso a votarmi".


Qualche giorno prima il solito Adam Kyriacou di Planet Rugby aveva compilato la lista del XV ideale del VI Nazioni; la riportiamo, pur non amando le "pagelle" in sport intrinsecamente di squadra e di amalgama, diversi da quelli individuali come il calcio :P
Come sempre seguono le nostre osservazioni/dissent (in red i nostri preferiti):


15 Clément Poitrenaud (France) - Came close: Geordan Murphy (Ireland)
Ottimo anche l'esordio di Ben Foden.
14 Tommy Bowe (Ireland) - Came close: Sean Lamont (Scotland)
D'accordo sul winner anche se non ha brillato, non sul came close: molti i più consistenti di Lamont, a lui preferiamo Mark Cueto e anche Marc Andreu.
13 Brian O'Driscoll (Ireland) - Came close: Mathieu Bastareaud (France)
Del tutto opaca la prova di BoD quest'anno, preferiamo il francese, rivelazione dei primi due match anche se nell'ultimo è stato annullato da Tindall, con Jamie Roberts came close.
12 Yannick Jauzion (France)
- Came close: Graeme Morrison (Scotland)
Anche noi come Kyriacou siamo punitivi nei confronti delle prove molto rugby league senza scarico di James Hook.
11 Sean Lamont (Scotland) - Came close: Shane Williams (Wales)
Con tutta la simpatia questo non è posto per Sean, noi preferiamo la prestazione coronata da tre mete del fuori ruolo Keith Earls; per il came close buona la prima di Ashton e con tutto il rispetto per la star gallese, noi scegliamo Mirco Bergamasco per la sua spendida performance al piede.
10 Dan Parks (Scotland) -Came close: Francois Trinh-Duc (France)
9 Morgan Parra (France) - Came close: Tomas O'Leary (Ireland)
8 Johnnie Beattie (Scotland) - Came close: Imanol Harinordoquy (France)
Le due posizioni vanno assolutamente invertite, con tutto il rispetto per il magnifico torneo dello scozzese.
7 David Wallace (Ireland) - Came close: John Barclay (Scotland)
Qui per noi vince lo scozzese, came close Mauro Bergamasco.
6 Thierry Dusautoir (France)
- Came close: Kelly Brown (Scotland)
5 Alastair Kellock (Scotland) - Came close: Julien Pierre (France)
Qui ci sta un came close al nostro Quintin Geldenhuys che non ha mostrato nulla in meno al francese.
4 Lionel Nallet (France) - Came close: Steve Borthwick (England)
Il nostro came close va, almeno per rispetto e nonostante il disastro in rimessa nell'ultima partita, a O'Connell.
3 Nicolas Mas (France) - Came close: Adam Jones (Wales)
D'accordo sul francese, il gallese came close parimerito a Castrogiovanni e a Murray (nessuno è stato decisivo).
2 William Servat (France) - Came close: Leonardo Ghiraldini (Italy)
Nessuna discussione sul leader, per il came close voto di stima per il patavino; in effetti sono mancate le alternative: Hartley si mette in luce ma solo per la grinta, Szarzewski tocchetta qua e là, tutti inferiori gli altri.
1 Thomas Domingo (France) - Came close: Cian Healy (Ireland)
Il came close prescelto sorry ma non c'entra con questi livelli, al limite Perugini, suvvia! Ma per meriti sul campo quel posto va tutta la vita a Alan Jacobsen, lo scozzese che ha regolarmente messo l'avversario diretto in seri problemi.

2 commenti:

gio ha detto...

E' un po' sempre la stessa storia, come nel calcio dove il Pallone d'Oro lo vincono sempre solo gli attaccanti.
Dimostra che questi premi sono un po' del piffero.

Comunque questo voto proprio non lo capisco, per me Bowe era nei sei giusto perché dovevano per forza metterci qualche irlandese, poi si vede che avranno votato solo i verdi, perché altrimenti non si capisce.

Abr ha detto...

... inchiniamoci al verdetto popolare ...
No, anch'io non m'inchino: evidentemente come sottolinei tu in Irlanda c'è stato più passaparola.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web