giovedì 10 gennaio 2013

Le Zebre mescolano il pack per la Heineken, Treviso va al 6 Nations

Sabato pomeriggio allo stadio XXV Aprile di Parma le Zebre scendono in campo contro il Biarritz, nel week end del quinto turno di Heineken Cup: match valevole per la Pool 3, dove comandano gli Harlequins con 19 punti e con i baschi secondi staccati di dieci lunghezze, mentre terzo è il Connacht con 8 e la franchigia federale chiude il gruppo senza bottino. Giochi ormai fatti anche se proprio dieci sono i punti ancora in palio nelle ultime due giornate, e i baschi saranno se non motivati a provarci fino in fondo, interessati a accumulare punti per tornare a difendere il titolo di Euro Challenge - oltre che memori di intoppo un anno fa circa contro gli Aironi, protagonisti alcuni delle attuali Zebre. Kick off alle 14.35 con diretta televisiva su Sky Sport 2 (nelle prossime ore daremo conferma o meno del live commentary di RR). 

Per l'occasione il mister Christian Gajan ritrova pedine da schierare nel XV di partenza come il mediano di apertura Luciano Orquera e soprattutto opera cambi tra gli avanti, dove spicca l'assenza dello stakanovista sudafricano Andries van Schalkwyk per infortunio. Al suo posto a Numero 8 torna in terza linea dopo un anno Josh Sole, nell'ultima stagione "rinato" a buoni livelli in seconda linea, a fare reparto con Filippo Ferrarini e l'esperienza di Mauro Bergamasco. L'altro boero Michael van Vuren è al fianco di Quintin Geldenhuys in seconda linea, mentre in prima Matias Aguero e David Ryan, piloni, reggono il tallonatore Andrea Manici
In cabina di regia con Orquera ci sarà Alberto Chillon, mentre la coppia di centri è quella di partenza di stagione: Daniel Halangahu e il capitano Gonzalo Garcia. Sinoti Sinoti e Matteo Pratichetti sono le ali nel triangolo allargato che si chiude con Paolo Buso
In panchina spazio a Carlo Festuccia, Salvatore Perugini e Luca Redolfini per la prima linea, ad Emiliano Caffini e Nicola Belardo per il resto del pack, quindi ecco Tito Tebaldi per la mediana, Alberto Benettin e Ruggero Trevisan a chiudere la lista. 

Zebre: 15 Paolo Buso, 14 Matteo Pratichetti, 13 Gonzalo Garcia (c), 12 Daniel Halangahu, 11 Sinoti Sinoti; 1 Matias Aguero, 2 Andrea Manici, 3 David Ryan, 4 Quintin Geldenhuys, 5 Michael van Vuren, 6 Filippo Ferrarini, 7 Mauro Bergamasco, 8 Josh Sole.
Subs: 16 Carlo Festuccia, 17 Totò Perugini, 18 Luca Redolfini, 19 Emiliano Caffini, 20 Nicola Belardo, 21 Tito Tebaldi, 22 Alberto Benettin, 23 Ruggero Trevisan.

Intanto, Jacques Brunel ha diramato la lista "lunga" degli Azzurri per i primi due impegni di 6 Nations, quelli contro Francia e Scozia. Nessuna novità di rilievo se non un ritorno nei trenta convocati, 18 dei quali in arrivo dalla Marca come nei Test Match di novembre: il 60% della nazionale.  La back row dell'Italia, eccezion fatta per il capitano Sergio Parisse, è made in Treviso (che intanto domenica affronterà il Tolosa in trasferta) con Robert Barbieri, Paul Derbyshire, Simone Favaro, Manoa Vosawai e Alessandro Zanni. Idem per la coppia di mediani di mischia, con Tobias Botes e Ugo Gori e due dei quattro lock: Francesco Minto e Antonio Pavanello, oltre a quattro dei sette uomini di prima linea: Lorenzo Cittadini, Alberto De Marchi, Michele Rizzo, Leonardo Ghiraldini. In più Kris Burton all'apertura, Tommaso Iannone, Tommaso Benvenuti, Luke McLean e Alberto Sgarbi tra i trequarti. 
Da Parma sono convocati in sei, uno in più rispetto ai Test: Giazzon al tallonaggio, Geldenhuys in seconda linea, Orquera per l'apertura,  Venditti per i trequarti, in più viene chiamato Buso al posto di Mauro Bergamasco e c'è il ritorno di Gonzo Garcia.
La quota internazionale è paritetica a quella Zebre: 20%. Troviamo  Martin Castrogiovanni e Andrea Lo Cicero in prima linea, Joshua Furno seconda, ovviamente capitan Parisse, quindi i trequarti Andrea Masi e il ritorno anche dell'altro Gonzalo, Canale: 2 dal campionato inglese e 4 da quelli francesi ( due non dal Top14).
L'assenza di rilievo è quella di Mirco Bergamasco, cui forse si devono i ritorni ad alto tasso di esperienza invece di provar volti nuovi - ma ci sono pur sempre i giovani Venditti, Iannone, Buso. 


Italian squad: 
Piloni Martin CASTROGIOVANNI (Leicester Tigers, 91 caps) Lorenzo CITTADINI (Benetton Treviso, 16 caps) Alberto DE MARCHI (Benetton Treviso, 4 caps) Andrea LO CICERO (Racing-Metro Paris, 98 caps) Michele RIZZO (Benetton Treviso, 5 caps) 
Tallonatori Leonardo GHIRALDINI (Benetton Treviso, 48 caps) Davide GIAZZON (Zebre Rugby, 5 caps) 
Seconde linee Joshua FURNO (Narbonne, 6 caps) Quintin GELDENHUYS (Zebre Rugby, 33 caps) Francesco MINTO (Benetton Treviso, 2 caps) Antonio PAVANELLO (Benetton Treviso, 13 caps) 
Flanker/n.8 Robert BARBIERI (Benetton Treviso, 27 caps) Paul Edward DERBYSHIRE (Benetton Treviso, 16 caps) Simone FAVARO (Benetton Treviso, 16 caps) Sergio PARISSE (Stade Francais, 91 caps, capitano) Ratu Manoa Seru VOSAWAI (Benetton Treviso, 10 caps) Alessandro ZANNI (Benetton Treviso, 69 caps) 
Mediani di mischia Tobias BOTES (Benetton Treviso, 8 caps) Edoardo GORI (Benetton Treviso, 19 caps) 
Mediani d’apertura Kristopher BURTON (Benetton Treviso, 18 caps) Luciano ORQUERA (Zebre Rugby, 29 caps) 
Centri/Ali/Estremi Tommaso BENVENUTI (Benetton Treviso, 23 caps) Paolo BUSO (Zebre Rugby, 1 cap) Gonzalo CANALE (La Rochelle, 77 caps) Gonzalo GARCIA (Zebre Rugby, 25 caps) Tommaso IANNONE (Benetton Treviso, 1 cap) Andrea MASI (London Wasps, 72 caps) Luke MCLEAN (Benetton Treviso, 41 caps) Alberto SGARBI (Benetton Treviso, 23 caps) Giovanbattista VENDITTI (Zebre Rugby, 9 caps)

11 commenti:

Guido ha detto...

Che dire? Piu' che guardare al futuro, mi sembra un ritorno al passato di Mallet, Garcia è sempre stato infatti un " pallino " del sudafricano, ci è mancato giusto il ritorno di Gower, che farebbe un gran comodo, e poi siamo a posto......

Abr ha detto...

Gower ! :)
Almeno Garcia un 50% nei piazzati dalla distanza te lo garantisce, adesso!

Del resto, questo è quel che passa il convento.
Che dire allora di Furno (ma sta giocando?) o di Canale (!) che non ha nemmeno l'età dalla sua? Toccherà rivedere Canale - Garcia in mezzo, qualche volta?

Anonimo ha detto...

i ns 3/4 sono sempre gli stessi ....che noia che barba che noia ...
bisogna gettare nella mischia qualche ggiovane senza fare gli errori come con bocchino ,facile a dirsi eh ;) ma io nun capisco un cz quelli forti so tutti alla Fir anzi nello staff della nazionale .
ps ho letto un intervista a Masi e paradossalmente oltre dire cose sensate interpreta e nobilita il pensiero di tutti noi forse gli deriva dal fatto che in italia ha giocato pochino .... e gli è bastato x arrivare a certe conclusioni ovvie talmente ovvie che non vedo come possano essere controbattute .
il fatto che giochi x le mie amate vespette non c'entra nuuuullla ...ironduke

Abr ha detto...

Beh no dai: Venditti, Iannone ...
Tra l'altro va ben largo ai giovani (ad averli), ma anche il numero di caps è rilevante: il rugby non è sport di solo talento ma anche di esperienza (soprattutto davanti, ma non solo).
E' il limite dell'Inghilterra di Lancaster piuttosto che del pack sudafricano nel The Championship.

Masi: giù il gettoneeee .... :)

Anonimo ha detto...

lo sai che io sono più preparato sul rugby anglosassone che altro mica chiamo ironduke per caso ...magari der tufello !!!!
ps preparato è una parola grossa ;)

Guido ha detto...

Be' dai Gower era una chiara provocazione.....

Non sarebbe stata invece una provocazione Caminati che ti garantisce piu' del 50% di Garcia, oltre ad essere piu' giovane ed anche ...piu' italiano di Gonzalo

Abr ha detto...

Provocazione insomma: pensa che sono convinto che se Gpwer avesse preso parte al mondiale, magari chissà l'Italia se finalmente non passava il turno. Perché bene o male era decisamente il perno attorno a cui ruotava tutto il sistema Mallett.
Bocchino fu piuttosto la SUA provocazione!

Abbiamo già discusso poco tempo addietro di Caminati: trentenne anche lui, nome che gira da tempo, considerato un po' una testa calda ... Certo che avrebbe anche un piede decente.
Sul fatto che sia più italiano di Canale, essendo di Nizza mi pare, sicuramente Garibaldi sarebbe molto d'aocordo :)

gsp ha detto...

se non sbaglio Caminati e' dell'85.

Su Gower, un giocatore che mi fa sorridere solo vederlo giocare. per me era fenomeno, forse alcuni non realizzano che significa giocare half-back con l'australia di league, con 20 presenze. stiamo parlando di livelli assurdi. in Australia, quando siamo andati per Aus-Ita la star era lui, piu' che molti dei nazionali aus dell'union. per carita', anche uno con un certo 'curriculum' fuori dal campo.

e sta a vedere che con lui al mondiale magari ci divertivamo anche di piu', purtroppo non lo sapremo mai. quella e' stata una merdata assoluta della FIR. ma anche oggi secondo me avrebbe moltissimo da insegnare.

Zagor ha detto...

Si classe 85.Su Gower ti sbagli non tanto come giocatore,ma sulle sue reali condizioni fisiche.Non poteva e lo ha dimostrato quest anno, riprendere a giocare vista la totale assenza di cartilagine al ginocchio,tanto e' che si e' fatto compatire in UK agli harlequins league dove non ha praticamente mai giocato la passata stagione. Per insegnare può sempre far l'allenatore,ti pare Gsp ?

Abr ha detto...

Caminati classe '85 si, intendevo trentenne ai Mondiali 2015, sorry per averlo sottinteso.

Non si può dire quanto avrebbe giocato Gower nel Mondiale, anche se di fatto aveva il ginocchio a rischio. Almeno un tempo con l'Australia ...
Resta che il "sistema Mallett" bene o male su Gower era centrato; come alternative cadute nel tempo aveva pensato a Wisniewski, che rispose accettando la chiamata francese e poi si ruppe, ma non i risulta mai Caminati (trequarti piazzatore più che apertura se non ricordo male).

Ora non mi pare che il clima bruneliano - federale sia aperto all'import (vedi prova di Botes la stagione scorsa) anche se il problema permane. Buso che se la ride rientrando dopo l'espulsione col Biarritz sotto gli occhi di Brunel, non mi pare un buon viatico.

gsp ha detto...

ti devo coreggere Zagor, Gower ha giocato tutte le partite la scorsa stagione, inclusa la nazionale italiana di League.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web