sabato 16 febbraio 2013

Breaking news: Primo assaggio di SuperRugby - Updated



Update 16/2: Secondo breaking news per la seconda e ultima partita dal primo turno di SuperRugy, sempre per la Conference australiana - partiti prima per finire un po' prima, per via della tournée dei B&I Lions.
I Brumbies stamane (tempo europeo, nella serata down under) stendono nettamente i Reds, 24-6 il finale con due mete, dell'ala Jesse Mogg. Il punteggio è un po' bugiardo, infatti la partita rimane abbastanza aperta, sia pure sempre in controllo dei padroni di casa, sino almeno al 75', quando il mediano Nicholas White centra il penalty per il 17-6. i Sette punti finali, la seconda meta di Mogg, arrivano all'ultimo minuto, con un intercetto su Quade Cooper mentre i Reds attaccavano.
Esordio positivo per la seconda stagione di coach Jake White, con la squadra rinforzata dall'arrivo di David Pocock; in mediana danno fiducia al prodotto di casa Matt Toomua, spostando Christian Lealifano al primo centro; ancora da chiarire invece la responsabilità dei piazzati, trasmessa in partita tra quattro uomini tutti imprecisi.
I Reds ripresentano Cooper all'apertura, spostando il piazzatore Harris al nr.15; stanno agganciati per quasi tutta la gara, quasi pari territorio e possesso, più o meno gli stessi placcaggi e numero di ruck e addirittura molti meno errori nei placcaggi: i Brumbies ne commettono addirittura 25 su circa ottanta totali, a dimostrare per l'ennesima volta che c'è errore pesante e leggero e che le statistiche vanno interpretate, non "bevute" (errore tipico di chi dei numeri ha una visione sacrale, solitamente perché non li ha praticati abbastanza).

Post originale
Si ricomincia a giocare a rugby down under: prima partita del SuperRugby 2013, l'anticipo australiano Rebels-Western Force a Melbourne, concluso da qualche minuto. Una rivalità recente e combattuta, con vittorie per uno, due o tre punti. Stavolta finisce30-23 per i padroni di casa, 4-1 i punti rispettivamente guadagnati.
Inizio gara contratto e con molti errori - siamo alla prima - dominato inizialmente dagli ospiti, più sistematici nell'usa la forza del pack. E' l'ala Alfi Mafi a finalizzare. Dopo la mezz'ora il& club di Melbourne con Kurtley Beale all'apertura con Nicolas Phipps, James O'Connor estremo, Scott Higginbotham ex Reds skipper del pack con Gareth Delve il capitano gallese (non male come roster), inizia a riguadagnare territorio coi contrattacchi e marca meta per il 11-10 dell'intervallo con una maul ben eseguita, l'ovale è portato in meta dal tallonatore  Ged Robinson.
Nel secondo tempo il gioco decolla in velocità facendosi più "australiano" e gli errori, che ci sono, diventano quasi residuali, rischio calcolato. Force parte meglio anche in questa frazione, fa pressione e arriva a sfiorare la meta ma i Rebels colpiscono ancora con le ripartenze: è una fuga sul lato destro portata avanti dal nr.11 Richard Kingi e sostenuta dal lungo nr.4 Hugh Pyle, fantastico l'assist finale della potente aletta che si libera dell'ovale sottomano mentre viene portato fuori campo da due difensori, liberando il compagno, sveglio ad afferrare l'inattesa saponetta per una facile meta. Gli ospiti rispondono immediatamente con la doppietta di Mafi: azione classica da mischia in mezzo al campo sulla linea dei 22, apertura veloce sulla sinistra, uomo in più e meta all'angolino.
L'arbitro è severo sui punti di contatto, ne fan le spese i Force che incassano due gialli in fila. E' gioco facile per i padroni di casa con gli ospiti in 13: attorno all'ora di gioco un passaggio spaziale di ;O'Connor (dall'inedita acconciatura "isolana") lancia Kingi all'ala destra per la meta. Non appena tornano in 14, i Force rispondono ancora lavorando con < pazienti pick and go fino alla meta mwssa a terra da Richard Brown: 27-23 a dieci minuti dalla fine. O'Connor piazza un'altra punizione al 74' (i Force sono meno attenti a non far falli nella propria metà campo). Il tutto sotto gli occhi di un abbronzato e rilassato Robbie Deans in tribuna.
Oltre a Beale e O'Connor, in evidenza ali Kingi e Lachlan Mitchell. Attivi nei Force con capitan Pekahou CowanBen McCalman al nr.8 e la mediana neozelandese Alby Mathewson(ex Blues) - Sam Christie, mentre piazza (non beinssimo: 2 su 5) il 20enne centro Kyle Godwin. Sias Ebershon, sudafricano ex Cheetahs, entra all'apertura dalla panchina ma non impatta. Partita persa ma non male la prima volta senza David Pocock (andato ai Brumbies), difatti coach Foley non si dichiara deluso.
Pretty decent quality, almeno per il secondo tempo è il commento finale del telecronista: quotabile. Buona la prima, in una Conference tutta da seguire, dato che incombe il tour dei Lions.

Domani Brumbies-Reds, mentre: i Waratahs iniziano con un bye. Le altre Conference inaugurano il prossimo weekend.

3 commenti:

ale ha detto...

o'connor con quella pettinatura è proprio osceno, sembra un incrocio tra una Barbie e un Flintstones!

Abr ha detto...

:)
El Shaarawy gli fa 'na pippa ai rugbisti aussie: antico!

Abr ha detto...

(per i e le curiose: foto dell'acconciatura su rightrugby.tumblr)

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web