domenica 3 marzo 2013

Update dalla Premier per il double dei Chiefs


Il 17° turno di Premier regala il risultato che rimescola le carte in tavola per il primo posto della classifica ed il merito è tutto degli Exeter Chiefs, a caccia di un posto nella prossima Heineken Cup: la formazione del Devon si presenta sabato pomeriggio al The Stoop e batte i campioni in carica Harlequins per 27-16, firmando il double sui Quins, già battuti al Sandy Park lo scorso ottobre per 42-28. Non male, considerato che i padroni di casa dopo cinque minuti vanno già in meta da una rimessa vinta nei 22 avversari e il suggerimento perfetto di Jordan Turner-Hall spedisce Ugo Monye a marcare, quindi la trasformazione di Nick Evans fissa il 7-0 - l'apertura poi passa ad estremo, dopo che Ollie Lindsay-Hague viene sostituito da Ben Botica che si schiera fly half e si incarica di calciare. Gli ospiti non si scompongono, con Gareth Steenson (foto) restano in scia e potrebbero addirittura chiudere in vantaggio già il primo tempo, ma sbaglia un penalty nemmeno troppo difficile e così i primi quaranta minuti si chiudono sul 10-9 per la squadra londinese. Con la ripresa il duo in mediana Haydn Thoms - Steenson si trasforma in un motore preciso e ben oliato: al 53' è 16-15 (nemmeno Botica è preciso al 100%) e nell'ultimo quarto i Chiefs alzano il ritmo, vanno vicini per due volte alla meta con delle serpentine di Steenson in mezzo al campo. Trovano il varco al terzo tentativo con la seconda linea Damian Welch al 67' e ammazzano l'incontro con l'estremo Luke Arscott cinque minuti più tardi, sempre con Steenson e Thomas a metterci lo zampino, il collega che si tuffa alla Chris Ashton per la soddisfazione del suo staff tecnico e dei tifosi. E rispediscono al mittente tutti gli estremi tentativi dei Quins di andare alla ricerca del punto di bonus, senza nemmeno superare la metà campo. Well done ai ragazzi del Devon, mentre Chris Robshaw e Mike Brown assistono speechless dalla tribuna. 

Ne approfittando subito i Leicester Tigers che battono 48-10 gli Sharks di Sale, confezionando sei mete: doppiette per la seconda linea Ed Slater e il centro Matt Smith, una penalty try e la ciliegina sulla torta di Matthew Tait, arrivando al 68' sul 48-3. L'autista di caddy Andy Powell marca la meta della bandiera per gli ospiti a due minuti dalla fine. 

Sorte simile, in ambito salvezza, riservata ai London Irish in trasferta a Northampton: i Saints vincono 40-14, con altre sei mete all'attivo. Hat trick per l'ala Jamie Elliot, poi l'armadio Samu Manoa, l'isola Soane Tonga'uiha (sì, isola, non isolano...) e il Numero 8 GJ van Velze. Di Guy Armitage il terzo fratello della schiatta traslocata a Tolone,  al 73', l'unica meta degli Exiles.

Negli anticipi del venerdì c'era il derby fra Bath e Gloucester, vinto dal primo per 31-25. Al 49' c'è l'espulsione per il tallonare dei Cherry & White Darren Dawidiuk per un placcaggio pericoloso ai danni della seconda linea Dave Attwood. Penalty try al 4' per Bath: controattacco guidato da Matt Banahan, sugli sviluppi Charlie Sharples commette fallo (placcaggio senza palla) e si becca il giallo, i suoi la meta tecnica. Risponde Henry Trinder all'11', quindi l'ala Jonny May porta avanti Gloucester (10-12), ma alla mezz'ora Kyle Eastmond riporta sopra i padroni di casa e si va negli spogliatoi sul 20-15. Tom Heathcote e Rob Cook si alternano alla piazzola e sul 26-18 Tom Biggs rompe gli equilibri al 61', appena prima in realtà che May marchi la doppietta per il 31-25 che si trascina sino alla fine.
Successo anche di Worcester Warriors per 29-23 sui London Wasps (in campo titolare Andrea Masi, sin binned al 67'). Quattro mete per i Warriors (l'estremo Chris Pennell, David Lemi, Blair Cowan e il mediano Jonny Arr, appena dopo l'ammonizione per Masi). Con le marcature pesanti del tallonatore Rhys Thomas al 42' e del flanker ex Cheetahs Ashley Johnson gli ospiti erano riusciti a ribaltare il 15-6 sul quale si era chiuso il primo tempo. Utile per il punto di bonus difensivo la meta all'80' del trequarti Jack Wallace.

In campo nella domenica pomeriggio i London Saracens con i London Welsh: Sarries che per la cronaca, al momento conducono 23-14 all'inizio dell'ultimo quarto. Cambio della guardia in testa alla classifica ad una manciata di minuti.
Update serale: il finale della partita è 35-14, quattro mete a una e bonus offensivo per la squadra con Charlie Hodgson all'apertura e 5 sudafricani nei 23. Per i Welsh ci sono invece quattro gallesi, tra i quali Gavin Henson che da un po' è schierato all'apertura e piazza; con lui è arrivato anche Sonny Parker, altro glorioso centro 34enne di origini neozelandesi liberato dagli Ospreys. 

A conti fatti, la classifica vede i Sarries al comando con 59 punti e gli Harlequins secondi a 55, con i Tigers appena dietro a 54. Al quarto posto i Saints con 49, quindi Gloucester e Wasps a 46. La seconda parte della classifica si apre con i Bath a 42 e i Chiefs a 41, mentre Worcester si allontana dalla zona pericolosa con 32 punti all'attivo. Gli Irish sono terzultimi con 24, i Welsh a 22, chiudono gli Sharks con 19 punti e una lotta salvezza ancora tutta aperta. 

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web