martedì 4 maggio 2010

Salary cap tra Premiership e Parmigiana


Dopo la questione per ora assopita sulla possibilità di allungare la lista delle squadre partecipanti, la Guinness Premiership affronta da oggi un tema molto più scottante ed interessante: le grandi del campionato inglese hanno infatti chiesto pubblicamente di aumentare il salary cap imposto dalla Premier Rugby, l'organismo che rappresenta i 12 club della massima serie, e fissato a 4 milioni di sterline.

Già nel 1999 la quota era passata da 2.2 milioni a quella attuale, stabilita nel corso della stagione 2008/2009. Negli ultimi mesi si era discusso sull'opportunità di apportare modifiche di fronte alla crisi economica e finanziaria che ha colpito la Gran Bretagna, ma ora ad alzare la voce sono state due delle società più grandi della Guinness: Northampton e Leicester. In particolare quest'ultima, tramite il suo Head of operations Simon Cohen. Alla base delle sue dichiarazioni trovano spazio anche le opache prestazioni dei club inglesi in Europa: guarda caso, in finale di Heineken ci sono due francesi (Tolosa e Biarritz), mentre in quella di Amlin si affronteranno Tolosa e Cardiff. E, riguarda caso, nel Tolosa gioca Johnny Wilkinson, uno degli idoli d'Albione che hanno optato per il campionato transalpino che piace perché competitivo e anche ricco.
Per Cohen i casi sono due: "O lavorare per rendere competitivo il campionato all'interno. O forse è più importante competere in Europa e attirare i migliori giocatori al mondo?". E' il quesito che pone alla Premier Rugby: perché se la risposta è la prima considerazione, allora il salary cap a 4 milioni di sterline è appropriato; al contrario, "devi spendere come le altre squadre e stiamo parlando di 12-14 milioni di pounds".
No, non è una giustificazione valida gli ha risposto Mark McCafferty, capo della Premier Rugby: "Alzare il cap non è un'opzione realistica quando non ci sono soldi e se questa è stata una stagione deludente per i nostri club in Europa, i francesi un anno fa non avevano squadre nelle semifinali di Heineken Cup". In compenso si sono riscattati prenotando tutti i posti per la finale di Parigi. Per McCafferty bisogna aspettare la prossima annata per capire se si è trattato di un caso isolato o se dietro c'è qualcosa di più serio.
Non tutte le società inglesi sembrerebbero intenzionate a sostenere la campagna dei Tigers. I London Wasps, da sempre "auto-austeri", hanno fatto capire che non ci stanno: il motivo, per l'appunto, sono i soldi. Leicester e Saints, dalla loro, hanno anche gli stadi che ospitano più tifosi ogni fine settimana. Il Welford Road arriva, ad esempio, a 24.000 posti. La guerra si spie però è già cominciata dal momento che il proprietario dei Wasps, Steve Hayes, si e' detto certo che qualche collega non rispetti il salary cap e si comporti come i Melbourne Storm, la franchigia NRL pescata con la doppia contabilita' paghe e penalizzata qualche settimana fa. La Premier Rugby si è rifiutata di prendere in considerazione le insinuazioni, ha chiesto le prove prima di mettersi a indagare: "Se ce l'hanno, alzino il telefono".
La strategia ad ampio respiro del Leicester è chiara: "Il problema è che il salary cap, combinato con la logorante natura del campionato, implica che raramente hai a disposizione la miglior compagine; il cap ti priva della tua vera forza e non puoi permetterti giocatori promettenti dell'emisfero sud".

Casupola Italia -
L'epoca del professionismo ormai ci ha abituati a certe discussioni che si rivelano comunque per quello che sono: interessanti. Perché interessante sarà capire se la Premier vorrà mantenere lo status quo o cedere alle richieste "concorrenziali" avanzate dai grandi club.
Inoltre la faccenda cade a fagiuolo:
settimana scorsa abbiamo appreso di come la Federazione italiana abbia intenzione di gestire i cosiddetti "giocatori di interesse nazionale", alcuni dei quali ancora all'estero; la strategia messa in atto si concretizzerebbe - per lo meno pare ci capire perché nulla di concretamente certo è stato ancora specificato - nella necessita' di mediazione costante tra Carlo Checchinato in qualità di Responsabile Alto Livello e le dirigenze di Benetton e Aironi. In nota al post linkato avevamo citato un caso a titolo di esempio: se un club italo-celtico avesse l'opportunita' di reclutare Castrogiovanni per dire, prima di chiamare Leicester dovrebbe concordare l'offerta di ingaggio con la Fir?
Alle due italiane ormai celtiche non è arrivato alcun chiarimento: non esiste alcun capitolato comportamentale che in inglese si traduce con un più esplicativo behavioral contract.
Sorge una curiosità: tra le intenzioni della Fir c'è quella di arrivare ad una specie di salary cap al'italiana, oltre che all'idea di dirigere tutto e tutti da un unico ufficio? Si tratterebbe in fondo di una ulteriore implementazione dell'ormai famoso payoff dondiano sulla Celtic League in salsa e parmigiano: "Metteremo bocca su tutto". Dopotutto i club vengono dopo "la Patria", qualunque cosa essa sia.

2 commenti:

Abr ha detto...

Una piccola aggiunta al tuo pertinentissimo "sasso in piccionaia" della casupola, Socio.
Solo per chiarire il link al mio intervento sulle "liste federali", proponendo il tuo arguto e intrigante parallelo con il salary cap, realizzato ovviamente "all'italiana".

ringo ha detto...

Perfect.

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web