martedì 23 marzo 2010

Cosa ci siamo persi - I. Emisfero Boreale

Celtic a parte (cfr. post precedente), cos'è successo nel rugby di club d'Europa mentre eravamo focalizzati sulle due ultime settimane di passione del Torneo delle Sei Nazioni? Un piccolo riassunto per ricongiungerci con il week by week rugbistico europeo.

- Anglo Welsh Cup tutta inglese
La fase a gironi della LV=Cup aveva qualificato ai playoff tre team inglesi - Northampton, Saracens, Gloucester e una sola gallese, i Cardiff Blues detentori del titolo.
Nelle semifinali giocate il 14 marzo Gloucester passava a Cardiff per 18-29, vendicando grazie a tre mete di Simpson Daniel la netta sconfitta in finale l'anno scorso, mentre i Saints regolavano in casa i Saracens 31 -20, superando nel secondo tempo i calci piazzati di Hougaard con tre mete dopo una sostanziale parità nel primo.
Nella finale lo scorso weekend al Sixways Stadium di Worcester davanti a 12.000 spettatori, si aggiudicano il titolo i Northampton Saints, battendo Gloucester per 30-24.
La finale è bellissima e combattuta pur in assenza di molti nomi da ambo le parti, in evidenza nell'ultima giornata del Sei Nazioni: Ben Foden, Chris Ashton, Dylan Hartley, Euan Murray da una parte, Mike Tindall, Gareth Delve e Marco Bortolami dall'altra. La guida nel punteggio cambia per 5 volte, alla fine contano le tre mete dei Saints - del pilone Tonga-ui'ha, del centro Downey e del mediano Dickson - e il 100% nei calci di Myler autore di 15 punti. Per i Cherry and White due mete, una di penalità l'altra di Qera e 14 punti di Nicky Robinson.
Lo squadrone di coach Mallinder incamera il primo trofeo della stagione che nel loro caso non è consolatorio, essendo ancora in piena corsa sia in Premiership (secondi in classifica) che in Heineken Cup (quarti di finale a Munster il 10 aprile).

- Guinness Premiership: solo un recupero
Il campionato inglese è rimasto alla 17' giornata del 6-7 marzo, quella della prestazione di Castrogiovanni Man of the Match. Ancora da recuperare tutta la 13' giornata dei primi di gennaio nella quale causa neve si disputò solo una partita, c'è stato venerdì scorso il recupero della gara mancante dalla nona giornata in novembre, non disputata per il "gran rifiuto" all'ultimo minuto dei londinesi di giocare nel campo allagato dell'Edgeley Park: Sale Sharks 19 - 8 London Wasps.
Partita messa in sicurezza nel primo tempo per gli Sharks, campioni della stagione 2006 in crisi dall'addio di coach Saint'Andrè, con tre punizioni di Charlie Hodgson, proprio in quei giorni sedotto e abbandonato dalla nazionale per l'eventuale rimpiazzo di Wilkinson. Nel secondo tempo i Wasps fanno entrare Cipriani e tornano in partita grazie alla meta dell'ex australiano naturalizzato Ben Jacobs cui risponde prontamente la meta del mediano di casa Wigglesworth.
Vittoria fondamentale per la classifica di Sale che lascia l'ultimo posto a Worcester; i Wasps limitano i danni, rimanendo agganciati al quarto posto.

- Top14 stakanovista
Come sempre i maggiori impegni sono per le partecipanti al trasbordante campionato francese. Li avevamo lasciati alla 20' giornata, nel frattempo ne hanno disputate altre due, che registrano bilanci positivi (due vittorie) in testa per Tolone e Tolosa, in coda per Bourgoine Bayonne: bilanci negativi (due sconfitte) in alto per Racing, Stade e Biarritz, in coda per Albi, che comporta certezza matematica di retrocessione per la squadra del Tarn.
Tolone fresca dell'accordo con Carl Hayman, nella 21' giornata ha faticato ma vinto in casa con Biarritz: 21-20, sotto 8-20 fino nel quarto finale per le mete di Yachvili e Traille, passa con le punizioni prima e la trasformazione finale di Contepomi della meta di Orioli al 77'. Nello scorso weekend, sempre in casa, i provenzali si sono invece liberati in modo relativamente facile della capolista Castres: 19-6 con due mete e le tre punizioni di Contepomi.
Tolosa nella 21' gornata è andata a Parigi a far nero lo Stade per 0-29: mete di Lamboley e Census Johnston e 19 punti di Skrela; nella giornata successiva altro strike 34-3 con Montpellier.
In bassa classifica da segnalare le performance di Bayonne e Bourgoin che inanellano due vittorie in fila e si tolgono provvisoriamente dalle peste della zona retrocessione. La squadra dell'Isère prima batte Montauban in casa faticando, gli ospiti s'erano portati avanti 13-14 a inizio secondo tempo, ma vengono regolati da due punizioni di DiBernardo oramai estremo stabile che condivide con Boyet la responsabilità dei piazzati; successivamente vanno a prendersi la vittoria ad Albi.
I Baschi prima vanno a vincere nettamente ad Albi poi battono in casa Clermont grazie a una meta dell'ala Sam Gerber e 17 punti con due drop del mediano Cedric Garcia.
Turni molto negativi per le due parigine: lo Stade Francais s'inviluppa in polemiche con la Federazione inglese per Haskell, poi annuncia il nuovo allenatore per l'anno prossimo - Cheika - e guarda caso viene stracciato in casa da Tolosa e perde poi a Brive; il Racing Mètro perde a Montpellier una partita gestita davanti e in pari fino all'ottantesimo, nonostante 11 punti al piede di Frans Steyn; nel turno successivo la squadra di Berbizier viene sconfitta a Montauban in una gara indisciplinata con due mete per parte, tra i piedi caldi di Cedric Rosalen (ben 30 punti con due drop) e Mehrtens (16 punti con un drop).

Alle soglie della 23' giornata da disputarsi nel prossimo weekend, il campionato francese d'eccellenza vede in testa tre parzialmente deluse dal duplice turno durante gli impegni internazionali: Castres, Perpignan e Clermont rispettivamente con 67, 66 e 65 punti; Tolosa risale quarta a 65 punti e a 63 arriva Tolone; chiude la zona playoff il Racing fermo a 55 punti. Fuori dai playoff ma ancora teoricamente a tiro con 4 giornate di regular season da disputare, rimane il trio composto dal mezzo passo falso di Brive (51 punti) e dagli stop di Stade (49 punti) e Biarritz (48). Più sotto salgono Bourgoin (44 punti) e Bayonne (43), ma sono ancora ingaggiabili nella lotta per il secondo posto in retrocessione assieme a Montpellier (42 punti), Montauban (41); chiude in fondo la oramai condannata Albi a 20 punti.

- Coppa Italia a Treviso
Lo scorso weekend allo stadio Battaglini di Rovigo la Benetton Treviso s'è aggiudicata la Coppa Italia con una vittoria minimalista 9-8 sul Petrarca Padova.
Partita tesa, con molti errori e mal gestita dall'arbitro, oltretutto depauperata di protagonisti per infortuni e impegni nazionali: assenti per Treviso Ghiraldini, McLean, Garcia, Pavanello, Sgarbi, Rizzo, Cittadini, Vilk, Sbaraglini e con Picone schierato al centro, al Petrarca mancavano Cavalieri, Derbyshire, Ricciardi , Chistofolini, Patrizio (in panca a mezzo servizio) e gli Under20 Targa e Chillon.

Tre punizioni di Goosen nel primo tempo da una parte, un drop di Mercier e una meta del pilone Costa Repetto a inizio secondo tempo dall'altra, la cui mancata trasformazione costa il titolo ai patavini.

Nessun commento:

Recent Posts

Latest Rugby Headlines


Championships

Rugby Values

Down Under news

rugbyboots.net

rugbyboots
We take a look at all the rugby boots on the market, show you the best for your position, the conditions and whether it is rugby union or rugby league you need the boots for.

Rugby news from Scrum.com

Rugby World News

Premiership News

Rugby Press

SuperSport.com News

Eurosport - France

SudOuest.fr - rugby

Championships News

Il Rugby in Italia (via RugbyCS)

Italians in the Web